Home / #ErsuCultura / La prima volta di Idomeneo al Teatro Massimo
ph © rosellina garbo 2019
ph © rosellina garbo 2019

La prima volta di Idomeneo al Teatro Massimo

Al Teatro Massimo di Palermo va in scena il 18 aprile alle 20.30, per la prima volta,  Idomeneo di Wolfgang Amadeus Mozart. L’opera vedrà sul podio della direzione Daniel Cohen, che al Teatro Massimo ha già diretto A Midsummer Night’s Dream di Britten, e sarà presentata nella regia; scene e costumi di Pier Luigi Pizzi. L’allestimento sarà quello creato per il Teatro delle Muse di Ancona, regista collaboratore e light designer Massimo Gasparon, movimenti scenici curati da Deda Cristina Colonna.

Debutta nel ruolo di Idomeneo René Barbera, tenore che a Palermo è già stato protagonista ne La Cenerentola rossiniana e ne La traviata; ad alternarsi con lui nel ruolo del re di Creta sarà Giulio Pelligra. Nella versione originale di Monaco, che è quella prescelta in questa occasione, sono in scena tre soprani nei ruoli del principe Idamante, figlio di Idomeneo, e delle due principesse, la troiana Ilia e l’argiva Elettra: le interpreti saranno la giapponese Aya Wakizono (Idamante), Carmela Remigio, che a Palermo ha debuttato giovanissima e Giuliana Gianfaldoni (Ilia) ed Eleonora Buratto e Soula Parassidis (Elettra). Completano il cast i tenori Giovanni Sala (Arbace), Carlos Natale (Gran sacerdote) e Renzo Ran (La voce). Il Coro del Teatro Massimo sarà diretto dal maestro Piero Monti.

Idomeneo, composta nel 1781 per il Residenztheater di Monaco, era l’opera preferita da Mozart, che tentò anche di riproporla poi a Vienna, preparandone una seconda versione con alcune modifiche che però ebbe solo un’esecuzione privata. Benché l’impianto sia quello tipico dell’opera seria italiana, con la sua tradizionale alternanza di arie e recitativi, molti elementi risultano estranei a quella tradizione e sono relativamente più moderni: vengono inseriti cori, danze e brani orchestrali. I cori assumono talvolta un ruolo attivo, come avviene durante la scena dei naufraghi nel primo atto. Si tratta della prima opera seria che rappresentò per Mozart un successo. La partitura orchestrale si distingue per una straordinaria ricchezza timbrica degli archi, tanto da rendere la sua esecuzione particolarmente difficile.

Nel rapporto padre-figlio di quest’opera, segnato da conflitti nonostante l’amore profondo tra i due, è probabile che Wolfgang ritrovasse il suo rapporto con il padre Leopold, identificandosi con Idamante, addolorato dalle delusioni che infligge al padre ma pure deciso a proseguire nel proprio cammino, anche quando questo significa andare “ramingo e solo”, come canta nel grande quartetto del terzo atto. Un elemento che appartiene anche alla biografia di Pier Luigi Pizzi, che per Idomeneo ha scelto un classicismo spoglio, dove il bianco della scena fa risaltare i costumi inizialmente neri – per il lutto dei prigionieri troiani, ma anche del popolo cretese che dapprima dispera di veder tornare il proprio re, poi è afflitto dal mostro marino – e poi man mano bianchi: spiccano il vestito viola di Elettra e il manto rosso cupo di Idomeneo, i due personaggi straziati dalla gelosia e dal rimorso, che infatti si allontaneranno dal tripudio generale finale. Il lieto fine sarà riservato ai personaggi che hanno saputo perdonare: Idamante, che si è offerto alla morte assolvendo il padre che lo sacrifica, e Ilia, che perdona a Idomeneo e a tutti i greci lo sterminio della sua famiglia e del suo popolo;  l’opera si conclude infatti con una grande invocazione all’amore.

Recite dal 18 al 28 aprile, biglietti da 125 a euro.

La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio, con l’eccezione di domenica 21 aprile quando la biglietteria sarà chiusa.

 

Riguardo Giorgio Masi

Giorgio Masi
Nato a Palermo, ha conseguito la laurea in Musicologia al D.A.M.S. di Bologna. Tornato nella città natale, si interessa agli eventi culturali e musicali.

Leggi anche

foto orchestra jazz siciliana

Il fascino dell’armonica e la musica jazz: “Tribute to Toots Thielemans”, il 30 marzo.

Sabato 30 marzo ore 19:00 e 21:00, al Real Teatro Santa Cecilia, Tribute to Toots Thielemans con Giuseppe Milici e l'Orchestra jazz siciliana. Una sequenza di emozioni quella proposta dalla Fondazione the Brass Group per il concerto "Tribute to Toots Thielemans" con Giuseppe Milici accompagnato dall'Orchestra Jazz Siciliana diretta da Domenico Riina, in programma sabato 30 marzo con doppio turno, alle ore 19.00 e 21.30, al Real Teatro Santa Cecilia. Quando accade che l'armonica a bocca si piega alle forme dell'improvvisazione jazzistica, la magia del suo suono incanta sempre il pubblico e regala alle composizioni eseguite un fascino tutto particolare. A livello internazionale, la figura artistica che si staglia imponente su tutte è certamente quella del belga Toots Thielemans. Thielemans è di sicuro il musicista che più di ogni altro ha portato l'armonica allo stato dell'arte, schiudendole nuovi ed ampi orizzonti nel jazz e non a caso è divenuto popolare in tutto il mondo, presso un pubblico assai eterogeneo, come "Mister Armonica". E' proprio nel solco tracciato da Thielemans che Giuseppe Milici si è costruito negli anni una solida reputazione internazionale come uno dei pochi specialisti di armonica cromatica che siano capaci di impiegare lo strumento non solo in eclettici ambiti pop ma anche in contesti rigorosamente jazzistici. Più volte applaudito ospite dei cartelloni del Brass Group, il musicista palermitano, accompagnato dall'Orchestra Jazz Siciliana diretta da Domenico Riina, stavolta propone un omaggio proprio a Toots Thielemans ed al suo repertorio, in ciò saldando un debito di riconoscenza verso colui che lo ha determinato a dedicarsi all'armonica. Con il leggendario "Mister Armonica" Milici ha intrattenuto rapporti di studio ed un fitto scambio di consigli fino alla sua scomparsa ed in alcune occasioni lo ha incontrato di persona (come nel dicembre 1985 in cui Thielemans, al suo primo concerto palermitano, era accompagnato da un ampio organico jazz-sinfonico diretto da Ignazio Garsia), giungendo pure a condividere con l'insigne maestro il palco del Teatro di Verdura nell'agosto 1997. Del grande musicista belga va ricordata anche una terza esibizione al Teatro Metropolitan nel febbraio 1991, anche questa volta su invito del Brass Group. Nel rievocare quei tre concerti, eventi cruciali della storia musicale della nostra città, la Fondazione ha allestito una produzione originale affidando a Milici e Riina il compito di impaginare un programma di grande suggestione che, alternando sapientemente morbide melodie e atmosfere ritmicamente più accese, affresca magnificamente la figura del grande armonicista belga sia come esecutore che come compositore. La scaletta ripercorre molti dei capolavori che facevano parte del suo abituale repertorio, a cominciare da "Bluesette" e "The Dragon", brani scritti dallo stesso Thielemans e subito divenuti jazz standard tra i più eseguiti, e proseguendo con "Killer Joe" e "The shadow of your smile", "St. Thomas" scaturito dalla penna del "saxophone colossus" Sonny Rollins, "My little suede shoes" del mitico "Bird" Charlie Parker, "Imagine", celeberrima e struggente elegia di John Lennon e il capolavoro afrocubano di Dizzy Gillespie "Manteca".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *