Home / #ErsuCultura / I Giapponesi scelgono la tecnologia italiana in ambito ferroviario
fonte: railway-technology.com
fonte: railway-technology.com

I Giapponesi scelgono la tecnologia italiana in ambito ferroviario

E’ dalla Puglia, precisamente Monopoli che viene  l’avanguardia mondiale per le tecnologie diagnostiche in ambito ferroviario e gli aerei ultraleggeri in fibra di carbonio (Blackshape).

L’azienda è la Mermec che è riuscita a vendere la propria tecnologia alla JR-West. La tecnologia di cui si parla sarà utilizzata per la sicurezza della rete ferroviaria Shinkansen, quella che ospita i cosiddetti “treni proiettile” (dangan ressha) da più di 300 km\h.

“La vendita non è stata facile. Hanno ingegneri leader nel settore elettronico, eppure non sono riusciti a raggiungere i nostri parametri. Dopo aver girato il mondo sono venuti in Italia. Hanno effettuato test, messo difetti nascosti sulle linee e poi verificato con le nostre apparecchiature il monitoraggio. In pratica hanno fatto un esame al microscopio” – queste le parole di Vito Pertosa, fondatore della Mermec.

Shinkansen Series N700 fonte: wikipedia.org
Shinkansen Series N700
fonte: wikipedia.org

Il sistema VQube di Mermec monitora le linee ferrovie analizzando ben 40 parametri diversi come la presenza di fessure nelle traverse e micro-fratture sulle teste dei binari, la quantità di ballast (pietrisco), il serramento degli attacchi, etc. In pratica vengono allestite specifiche motrici, con telecamere specifiche e sensori, che percorrono le linee.

Un lavoro che un tempo era possibile fare solo a vista e senza una precisione millimetrica. Oggi tramite questa tecnologia è tutto automatizzato.

La rete ferroviaria italiana è la prima al mondo sulla tecnologia di sicurezza. I nostri treni andranno anche più veloci di quelli giapponesi. L’ultimo Frecciarossa 1000 può raggiungere i 400 km\h“, ricorda Pertosa. E allora cosa manca all’Italia per raggiungere l’efficienza giapponese? “Investimenti nel sistema ferroviario, che in Giappone è quasi obbligatorio considerata la densità della popolazione e il territorio. Poi non bisogna dimenticare che i costi dei loro biglietti sono elevatissimi”.

La commessa JR-West frutterà all’azienda con sede a Monopoli fino a 50 milioni di euro nei prossimi anni. Un po’ di orgoglio per un’azienda del sud Italia che è diventata leader a livello mondiale.

 

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Leggi anche

Teatro di San Carlo 2018

Il musical torna al Teatro Massimo con “My Fair Lady”

Va in scena al Teatro Massimo di Palermo dal 26 novembre al 3 dicembre My Fair Lady, il famosissimo musical di Alan Jay Lerner e Frederick Loewe. Dirige il direttore inglese Wayne Marshall, alla regia di Paul Curran. L’allestimento, in coproduzione con il Teatro San Carlo di Napoli, vede le scene di Gary McCann e i costumi di Giusi Giustino, con le coreografie di Kyle Lang e le luci di David Martin Jacques.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *