Home / #ErsuCultura / I Giapponesi scelgono la tecnologia italiana in ambito ferroviario
fonte: railway-technology.com
fonte: railway-technology.com

I Giapponesi scelgono la tecnologia italiana in ambito ferroviario

E’ dalla Puglia, precisamente Monopoli che viene  l’avanguardia mondiale per le tecnologie diagnostiche in ambito ferroviario e gli aerei ultraleggeri in fibra di carbonio (Blackshape).

L’azienda è la Mermec che è riuscita a vendere la propria tecnologia alla JR-West. La tecnologia di cui si parla sarà utilizzata per la sicurezza della rete ferroviaria Shinkansen, quella che ospita i cosiddetti “treni proiettile” (dangan ressha) da più di 300 km\h.

“La vendita non è stata facile. Hanno ingegneri leader nel settore elettronico, eppure non sono riusciti a raggiungere i nostri parametri. Dopo aver girato il mondo sono venuti in Italia. Hanno effettuato test, messo difetti nascosti sulle linee e poi verificato con le nostre apparecchiature il monitoraggio. In pratica hanno fatto un esame al microscopio” – queste le parole di Vito Pertosa, fondatore della Mermec.

Shinkansen Series N700 fonte: wikipedia.org
Shinkansen Series N700
fonte: wikipedia.org

Il sistema VQube di Mermec monitora le linee ferrovie analizzando ben 40 parametri diversi come la presenza di fessure nelle traverse e micro-fratture sulle teste dei binari, la quantità di ballast (pietrisco), il serramento degli attacchi, etc. In pratica vengono allestite specifiche motrici, con telecamere specifiche e sensori, che percorrono le linee.

Un lavoro che un tempo era possibile fare solo a vista e senza una precisione millimetrica. Oggi tramite questa tecnologia è tutto automatizzato.

La rete ferroviaria italiana è la prima al mondo sulla tecnologia di sicurezza. I nostri treni andranno anche più veloci di quelli giapponesi. L’ultimo Frecciarossa 1000 può raggiungere i 400 km\h“, ricorda Pertosa. E allora cosa manca all’Italia per raggiungere l’efficienza giapponese? “Investimenti nel sistema ferroviario, che in Giappone è quasi obbligatorio considerata la densità della popolazione e il territorio. Poi non bisogna dimenticare che i costi dei loro biglietti sono elevatissimi”.

La commessa JR-West frutterà all’azienda con sede a Monopoli fino a 50 milioni di euro nei prossimi anni. Un po’ di orgoglio per un’azienda del sud Italia che è diventata leader a livello mondiale.

 

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Leggi anche

SMOda 2017.1

Torna SMODA. Appuntamento sabato 14 settembre al Palazzo delle Poste a Palermo

Stanno per arrivare gli Alieni, manca poco… A 50 anni dal primo piede sulla Luna …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *