Home / #ErsuCultura / ‘Hamletmaschine’ in scena all’università
screenshot3_0

‘Hamletmaschine’ in scena all’università

Rivoluzionario e audace, dissacrante e polemico, questo è Hamletmaschine, dramma postmoderno del commediografo Heiner Muller, portato in scena da Gianluca Beninati e Fabiola Arculeo, diretti da Cristiana D’Apolito.
L’equipe, che è stata di supporto alla rappresentazione, è formata da Elisa Bisignano, Clorinda Ragusa, Claudia Borgia, Francesco Lo Cascio e Alessio Marchese.
La residenza universitaria San Saverio, nei giorni 28 e 29 aprile, ha aperto le sue porte all’arte del teatro e ha accolto la neo-compagnia.
Col patrocinio dell’Ersu e con la collaborazione di Uniattiva, la regista Cristiana D’Apolito ha realizzato uno spettacolo quasi a costo zero, con abiti ‘ecologici’ e scenografie poco articolate, sperando di avvicinare anche gli studenti al teatro.
«L’università, a mio parere, non è sensibile a questo tipo di iniziative», dice la regista, «ho voluto proporre un’opera del genere perché i giovani hanno bisogno di più classici, più teatro e meno televisione»; parla con entusiasmo, ma delusa dal mondo universitario che le è stato negato anni fa: «ero iscritta a Lettere, ma a causa delle tasse sempre più care ho smesso di studiare; lo Stato ha negato il mio diritto allo studio e sono qui a gridarlo a gran voce».

Hamletmaschine è un lavoro autofinanziato, un ibrido tra storia, miti e innovazione. Marcato l’elemento della meta-teatralità, che i due attori -giovanissimi- hanno rappresentato in maniera eccelsa ad un pubblico che, inizialmente scettico, si è sciolto in un fragoroso applauso finale.

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *