Home / #NotteBianca / Tavolo tematico, dibattito acceso per la protesta contro il nuovo ISEE
studenti

Tavolo tematico, dibattito acceso per la protesta contro il nuovo ISEE

L’ultimo incontro della serata della Notte Bianca siciliana, svoltasi a Palermo, è stato un tavolo tematico sul diritto allo studio. Presenti all’appuntamento, il presidente dell’Ersu di Palermo Alberto Firenze che, nelle vesti di moderatore, ha lasciato la parola ad altri ospiti.

In realtà, i lavori sono stati momentaneamente sospesi all’inizio, durante un intervento al telefono dell’assessore regionale al bilancio Alessandro Baccei. La chiamata sarebbe stata portata a termine solo verso la conclusione della serata, a causa dell’interruzione della sessione da parte degli “Studenti contro il nuovo Isee Palermo” che non avevano preso parte ai lavori del C. di A aperti agli interventi di tutti e che ha fatto irruzione nella sala con uno striscione di protesta. Una volta concluso l’intervento del gruppo, la seduta è ripresa in maniera regolare. Mariangela Gagliano (membro del cda Ersu per l’Accademia), Simona Perricone (vicepresidente Ersu) e Salvatore Iacono (consigliere nazionale degli studenti CNSU) hanno controbattuto alle polemiche. Mariangela Gagliano, in particolare ha evidenziato: «Noi abbiamo sostenuto le loro stesse critiche durante il precedente consiglio di amministrazione, ma in un modo più civile. Non condivido questa ostruzione che va ad ostacolare un’iniziativa che può agevolare l’Ente».

Varie figure istituzionali e rappresentative sono state invitate ad esprimere il proprio parere sulla spinosa questione al centro del dibattito. Il dott. Catania (delegato del rettore della Lumsa), ma anche l’assessore regionale all’istruzione Bruno Marziano, che ha lasciato la sala con la promessa di far uscire il mese prossimo due bandi per sostenere le spese degli specializzandi di medicina e i dottorati di ricerca. E ancora, Giovanni Tesoriere per la Kore di Enna, Paolo Inglese delegato del rettore Unipa, il rettore dell’Accademia delle belle arti Mario Zito, Gregorio Bertolino per il Conservatorio, e un rappresentante dell’Università di Messina. Alla fine, gli interventi dei due massimi rappresentanti siciliani degli studenti negli organi collegiali, consiglieri nazionali degli studenti CNSU Salvatore Di Chiara e Salvatore Iacono.

Firenze ha concluso con un auspicio: «Da oggi disegniamo un percorso nuovo. È importante che, anche col sostegno della rappresentanza studentesca e degli studenti, sia salvaguardato il diritto allo studio, per il quale tutti ci battiamo».

Ma cosa ne pensano gli studenti presenti al tavolo tematico?

Due studentesse dell’Università di Messina, rappresentanti di Bestmessina, hanno dichiarato: «Condividiamo le richieste dei i ragazzi che hanno protestato contro il nuovo ISEE. I politici che sono intervenuti hanno espresso progetti futuri ma in sostanza nulla di concreto e di immediato». Altre due studentesse presenti hanno evidenziato che: «L’intervento di protesta dei ragazzi è stato molto forte, ma ci vuole una sveglia per tutti per un futuro migliore».

 

 

 

 

 

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

università

Università, cresce il divario tra Nord e Sud

È stato presentato  a Palermo il Rapporto 2015 della Fondazione RES, dal titolo “Nuovi divari. …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *