Home / #OltreUnipa / Giornata Nazionale della Psicologia: l’importanza di “Ascoltarsi ed Ascoltare”
gnp

Giornata Nazionale della Psicologia: l’importanza di “Ascoltarsi ed Ascoltare”

Il 10 ottobre verrà celebrata la “Giornata Nazionale della Psicologia”, che giunge quest’anno alla sua terza edizione, in occasione della “Giornata Mondiale della Salute Mentale”. L’iniziativa è promossa dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ed è patrocinata dal Ministero della Salute. La giornata nasce con scopi divulgativi circa le più rilevanti tematiche di interesse psicologico, per far conoscere maggiormente ai cittadini e alla comunità le potenzialità della Psicologia come scienza e come professione.

Il tema della campagna del 2018 è: “Ascoltarsi ed Ascoltare: la persona al centro della propria vita” e, tra le numerose attività previste in tutto il territorio nazionale in vista dell’evento, la più significativa è “Studi Aperti”: gli psicologi iscritti ai vari ordini regionali possono scegliere di “aprire il proprio studio” e fornire gratuitamente incontri di informazione o consulenza per una o più giornate. A questo scopo, la psicoterapeuta Valeria Carducci, specializzata nella tecnica EMDR e analisi transazionale, spiega le ragioni della sua scelta di aprire il proprio studio nelle giornate del 10 e 11 ottobre, a Palermo, per offrire a chi si prenoterà una consulenza gratuita.

Perché è importante celebrare questa giornata?

Sono ancora molti gli stereotipi legati alla professione dello Psicologo. C’è ancora molta confusione su cosa può o non può fare lo Psicologo: ad esempio molti pazienti continuano ad arrivare spaventati in studio pensando che lo Psicologo possa prescrivere farmaci e si aspettano di essere “liquidati” con una ricetta medica piuttosto che essere ascoltati. Tutto ciò diminuisce la probabilità che chi ha bisogno di cure si rivolga al terapeuta, causando una ricaduta negativa sulla salute pubblica con la conseguenza di una eccessiva medicalizzazione del disagio psichico.

20180303_205440_resized

Quali sono gli obiettivi di questa iniziativa?

Gli obiettivi sono quelli di informare, avvicinare e creare contatto. Informare quante più persone possibile in merito ai vari ambiti in cui interviene lo Psicologo; avvicinare e creare contatto, visto il tema di quest’anno, “Ascoltarsi ed Ascoltare: la Persona al centro della propria vita”, lo intendo distinto in due sensi: avvicinare e creare contatto tra gli utenti e lo Psicologo, chi lo vorrà potrà fare un’esperienza diretta con questa figura professionale. Conoscenza ed esperienza sono le uniche armi che possono sgonfiare i pregiudizi che riguardano noi Psicologi. Avvicinarsi e creare contatto tra la Persona e se stessa; tramite l’Ascolto dell’altro, caratteristica fondante della pratica psicologica, si favorisce e si potenzia l’attenzione verso se stessi e ciò che si desidera realmente; da questo si può partire per prendere decisioni consapevoli nella propria vita. Nella nostra epoca tutti gli stimoli ci spingono fuori da noi stessi e dalle relazioni umane, siamo ormai pervasi dalla compulsione di essere On-Line e sempre più a disagio nello stare Off-Line, cioè a contatto con le nostre emozioni e con quelle degli altri.

IMG-20180218-WA0005

Perché hai scelto di aderire?

Ho scelto di aderire, soprattutto all’iniziativa “Studi Aperti”, perché ritengo importante contribuire positivamente alla diffusione della cultura psicologica, che è ricca di strumenti validi per prevenire e curare il disagio degli esseri umani. La Psicologia è una Scienza in continua evoluzione, basata su ricerche scientifiche, su integrazioni che arrivano dalle neuroscienze e dalle nozioni sempre più avanzate del funzionamento del nostro cervello. Ritengo importante che l’opinione pubblica restituisca a questa Scienza la dignità che merita, grazie alla quale tante persone sono state aiutate e salvate. Il modo in cui posso farlo è offrendo il mio tempo e le mie competenze per due giornate e far sperimentare a chi lo vorrà il mio stile terapeutico; sono un’Analista Transazionale e terapeuta EMDR.
Gli assunti filosofici di base a cui mi ispiro sono quelli dell’Analisi Transazionale: Io sono OK e Tu sei Ok (Ognuno va bene così com’è); Ogni persona ha la capacità di pensare e autodeterminarsi; Le decisioni prese possono essere modificate. Negli ultimi anni mi sono interessata, formata e focalizzata sull’approfondimento della terapia EMDR, tecnica cognitiva scientificamente riconosciuta per l’elaborazione dei Traumi.

 

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Check Also

Palazzo_Steri-500x319

Unipa, al via il Children’s voices for a new human space

Parte da UniPa il progetto “Children’s voices for a new human space” finanziato dal programma Erasmus + dell’Unione Europea

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *