Home / #FLMPa / Migrare oltre le barriere culturali
FLMPA

Migrare oltre le barriere culturali

I due ospiti del pomeriggio del 10 ottobre all’Archivio Storico Comunale, Alexandra Dejoli e Alexian Santino Spinelli, ci aprono la mente in quanto rappresentanti di due mondi culturali che costituiscono una minoranza spesso soggetta a forme di abbattimento a favore dell’omologazione.

Alexandra Dejoli, transgender nata nell’ex Jugoslavia ci racconta di “Requiem Rosa. Storia di una transessuale nel conflitto dei Balcani”, un libro che descrive la migrazione che l’ha portata a diventare una donna, vissuta parallelamente alla migrazione socio-politica avvenuta nell’ex Jugoslavia. Con la sua scrittura ben studiata e un linguaggio appropriato, la Dejoli mette in ridicolo gli assetti normativi della cultura balcanica, smontandoli e ricostruendoli dettagliatamente, col suo punto di vista di persona queer.

Alexian Santino Spinelli, docente di lingua e cultura romanì all’Università di Chieti, ci parla del genocidio culturale da parte della massa nei confronti dei Rom, stereotipati in senso negativo. Ci illumina affermando che i Rom hanno un patrimonio culturale e una storia lunga 5 secoli che vanno rispettati, ma nonostante ciò dalla legge italiana non sono stati riconosciuti come minoranza linguistica. E togliere la lingua a un popolo significa estirpare la sua identità. Un popolo migrante costretto nel suo passato a fuggire dalle persecuzioni, per lo più dei Rom si sanno soltanto le notizie di cronaca più negative. Eppure questo oscurantismo andrebbe abbattuto a favore di una promozione che vada a cancellare i pregiudizi e le barriere culturali.

Riguardo Ylenia Nasti

Ylenia Nasti
Laureata all’Università di Palermo. Amo i libri, i paesaggi e la cucina siciliana

Leggi anche

Adriano Sofri racconta Kafka al Festival delle Letterature Migranti

Adriano Sofri presenta il suo ultimo libro “Una variazione di Kafka” al Festival delle Letterature Migranti. Durante la terza giornata della manifestazione Davide Camarrone, Direttore artistico dell’evento, dialoga con l’autore allo Steri, ragionando su...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *