Home / #FLMPa / Festival delle Letterature migranti, Lagalla motiva la scelta dello Steri
12163016_1054400384583587_1315920425_o

Festival delle Letterature migranti, Lagalla motiva la scelta dello Steri

Al via il secondo giorno del Festival delle Letterature migranti con un calendario ricco di eventi e autori da ogni parte del mondo.

Il Rettore Roberto Lagalla, la mattina dell’8 ottobre, ha svolto i saluti di rito presso la Chiesa di Sant’Antonio Abate, nel Complesso Monumentale dello Steri, presentando il programma della giornata e mostrandosi soddisfatto e orgoglioso della nuova veste di Palermo.

Rivolgendosi alla sala gremita di gente, tra studenti dell’Università e curiosi attratti dagli interventi in programma, Lagalla motiva la scelta del Complesso Monumentale dello Steri «perché pur essendo il simbolo dell’Inquisizione e conservandone ancora le tracce, possa anche spogliarsi della veste inquisitoria e diventare culla della tolleranza».
«È giusto dare voce alla cultura, in ogni sua sfaccettatura- continua Lagalla -che provenga da cristiani, ebrei, atei, la letteratura è vettore di cultura e deve essere tutelata e trasmessa.
Ecco allora che questo Festival ridona alla letteratura un ruolo centrale, al servizio dell’integrazione e del confronto di cui Palermo deve tornare ad appropriarsi».

Con questo auspicio il Magnifico conclude il suo intervento e lascia la parola a Davide Camarrone e agli ospiti della giornata.

Riguardo Gaia Butticè

Leggi anche

letterature migranti

Festival delle Letterature Migranti, il programma di venerdì 23 ottobre

In streaming e online su www.festivaletteraturemigranti.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *