Home / #OltreUnipa / Felicittà: alla scoperta dei suoni di Palermo
hotel-president-palermo-e-dintorni3_palermo

Felicittà: alla scoperta dei suoni di Palermo

Alla scoperta dei suoni delle città italiane, catturando attraverso la musica, i rumori, le voci delle persone, la vera essenza di alcuni bellissimi capoluoghi della nostra terra: questo è “Felicittà“.

Il progetto, nato da Liquid Penguin Ensemble, il duo tedesco composto da Katharina Bihler, autrice e performer,  e dal compositore e bassista Stefan Scheib, e ufficilamente online da febbraio 2017, propone di ricreare una vera e propria mappatura acustica di quattro città italiane, ossia Trieste, Roma, Napoli e Palermo,  con l’obiettivo di cercare il suono della felicità.

Il viaggio dei due musicisti (ideato dal Goethe-Institut Italien), ha condotto alla creazione di un progetto innovativo, unico nel suo genere, composto da settanta podcast e oltre 100 ore di registrazione audio, che il duo consiglia di ascoltare in cuffia. In particolare, tema conduttore scelto per la nostra Palermo è “Felicità & Musica“, motivo per cui sono stati coinvolti artisti, compositori e personalità del capoluogo siciliano.

Il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli, le voci dei passanti, i suoni che regala quotidianamente la nostra città e , perchè no, anche i silenzi, hanno così il potere di rievocare nella nostra mente i luoghi in cui siamo nati, creciuti, in cui viviamo.

All’interno della mappa, ci si sposta tra diversi suoni e rumori che raccontano diverse storie, tutte uniche. C’è il flautista Benedetto Basile, nella Camera dello Scirocco di Villa Savagnone, dove per lui “ogni uomo, ogni elemento ha un suono”; vi è Giuseppe Viola, clarinettista, che ci guida all’interno del quartiere ebraico;  incontriamo anche il compositore Marco Betta che, sotto la grande cupola del Teatro Massimo, intona dei vocalizzi nella Sala Pompeiana, e ancora le note del contrabbasso di Lelio Giannetto all’Oratorio di San Mercurio, l’Orto Botanico, lo Spasimo, l’Oratorio di San Lorenzo, il Conservatorio.. si passa poi dal suggestivo “scenario” della riserva naturale di Barcarello, dove il rumore delle onde del mare si fonde con il vento e con la musica del sassofonista Marcello Cinà, al silenzio di via Maqueda e dei Quattro Canti.

Sicuramente un “viaggio” emozionante, che racconta Palermo come nessuno aveva ancora fatto fino ad ora.

Qui la pagina ufficiale del progetto con l’annessa mappahttps://www.goethe.de/ins/it/it/kul/sup/glc.html

Riguardo Clara Ambrosi

Clara Ambrosi
Nata il 12/11/1994 a Palermo, scrivo per il blog di informazione online “Il Giornale di Isola”, per il giornale sportivo online "Lo Sport 24" e per il blog universitario “IoStudio”. Studio legge alla facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo e sono appassionata di viaggi, libri, cinema,musica e sport.

Leggi anche

Gioa

Donne che fanno impresa, da Gioa a Martina Ciaccio: la Sicilia nelle loro creazioni

Cresce il numero di imprenditrici siciliane che sceglie di restare in Sicilia e scommettere sulla loro terra. Conosciamole insieme!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *