Home / #ErsuCultura / Fajart, uno spettacolo da scoprire. L’8 marzo al Teatro Santa Cecilia.
WhatsApp Image 2019-02-21 at 16.30.14

Fajart, uno spettacolo da scoprire. L’8 marzo al Teatro Santa Cecilia.

Venerdì 8 marzo, alle ore 21:15, al Real Teatro Santa Cecilia, si svolgerà lo spettacolo “Fajart – l’Arte Ricevuta”.

Tre sorelle, Flora, Monica e Roberta Faja, accomunate da un dono familiare che diventa un’esperienza artistica unica nel suo genere. Un progetto artistico che unisce caratteristiche musicali  e spettacolari differenti per regalare al pubblico un evento di grande impatto emotivo, ricco di sorprese. Protagoniste assolute  tre figlie d’arte, tre donne che hanno fatto della musica e dello spettacolo la propria vita. Lo spettacolo coinvolgerà lo spettatore in un’esperienza musicale tout court, dal repertorio Barocco, a composizioni corali, danza e musica Jazz.

Flora, Monica e Roberta Faja hanno una storia che le identifica, figlie di Angelo Faja, flautista e direttore d’orchestra di fama internazionale, pronipoti di Marcello Buogo, pianista, compositore e didatta famoso in tutto il mondo, nipoti di Norino Buogo, pianista, compositore, didatta, ancora attivo professionalmente in territorio europeo.

Le tre artiste si sono unite, sotto l’impulso della sorella minore, Roberta, per realizzare un progetto ambizioso con al suo interno diverse performances. Lo spettacolo prevede un format con racchiuse musiche, arti visive e movimenti scenici. Il tutto realizzato con caratteri diversi, per generi e formazione. Il primo momento è rappresentato dall’ensemble strumentale barocco “Cordes et Vent” condotto da Roberta, il secondo dal Coro Giovanile Femminile “AEOLIAN Vocal Ensemble” diretto da Monica, ed infine vi è il momento dedicato alla musica jazz con “Free Age”, il gruppo di Flora.

Roberta suona e insegna flauto traverso moderno all’ISSM di Ribera; da tanti anni si occupa di musica antica. Ha costituito l’ensemble “Cordes et Vent” che oggi conta 15 musicisti, tra archi, clavicembalo e tiorba ed  il controtenore Giuseppe Montagno, che con la sua voce imita il registro dei cantanti castrati. Il loro repertorio spazia da arie tratte da opere del settecento a brani orchestrali di musica barocca con strumenti originali, sotto la direzione attenta di Roberta. Allo spettacolo dell’8 marzo sarà anche presente Antonio Giovannini, controtenore di estremo talento e dalla tecnica raffinatissima. Roberta è anche attiva nel campo della sperimentazione audiovisiva; da poco ha presentato un suo cortometraggio alla RAI.

Monica insegna da anni alla scuola media Pecoraro e si è sempre dedicata alla coralità. Pensando a come i suoi studenti potessero approcciarsi attivamente alla musica anche fuori dalla scuola ha costituito, richiamando un gruppo di ex allieve, il coro di voci bianche “AEOLIAN Vocal Ensemble”. Il vasto repertorio proposto si incentra in particolare sul lavoro di compositori contemporanei che si interessano di coralità, in tante lingue diverse. Non mancano i brani arrangiati e riorganizzati dal gruppo in funzione del coro. Durante l’esibizione il coro intreccia il suo canto con particolari movimenti scenici appositamente studiati dalla formazione, regalando un’esperienza a tutto tondo, diversa dalla stereotipata staticità delle formazioni corali. L'”Aeolian Vocal Ensemble” è l’unico coro femminile di questi tipo presente in Sicilia. Vanta numerosi successi in Italia e all’estero; è tra i finalisti del concorso  internazionale di gruppi corali che si terrà a fine Aprile a Riga. Durante lo spettacolo sarà presente anche il compositore Gary Carpenter, di cui verranno eseguite alcune opere. 

Flora, la più grande delle sorelle, è una delle voci più raffinate e rappresentative del panorama jazz nazionale. Docente di canto jazz, al suo attivo ha diverse pubblicazioni tra cui l’innovativo album “Italian Songs” in cui, oltre a composizioni originali, vengono rivisitati alcuni dei classici della canzone italiana. Flora si esibirà l’8 marzo con la formazione “Free Age”. Gli artisti che solcheranno con lei il palco dello storico teatro sono Giuseppe Urso alla batteria, Marco Zammuto al contrabasso e Valerio Rizzo al pianoforte. Accanto la voce di Flora Faja, si esibirà Roberta Sava, ex allieva di Flora dal talento straordinario, giovane promessa del canto jazz contemporaneo.

E’ possibile acquistare i biblietti online tramite il circuito www.bluetickets.it, o i due punti di prevendita della Fondazione the Brass Group, uno presso il Real Teatro Santa Cecilia (Piazza Santa Cecilia n. 5 – 90133 Palermo – 091\ 88 75 201, 091 88 75 119, dal lunedì al venerdì a partire dalle 9.30 sino alle 12.30, ed un altro presso Santa Maria dello Spasimo (Via dello Spasimo, n. 15 – 90133 Palermo – 091 77 82 860, 091 77 82 861) dal lunedì al venerdì a partire dalle ore 15.30 alle 19.30. Infoline Fondazione The Brass Group: 091 778 2860 – 3312212796, info@thebrassgroup.it, www.thebrassgroup.it.

Riguardo Giorgio Masi

Giorgio Masi
Nato a Palermo, ha conseguito la laurea in Musicologia al D.A.M.S. di Bologna. Tornato nella città natale, si interessa agli eventi culturali e musicali.

Leggi anche

Foto Landi Sacco

Prometeo, il mito del Fuoco. Appuntamento al Teatro Antico di Segesta domenica 1 settembre

La performance “Prometeo, il mito del Fuoco” in scena al Teatro Antico di Segesta. Per la manifestazione “Dionisiache - Calatafimi Segesta Festival”. Domenica 1 settembre ore 19.45

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *