Home / #CampusLife / Fabrizio Micari, insediato il nuovo rettore dell’Università degli Studi di Palermo
beni-culturali-sicilia

Fabrizio Micari, insediato il nuovo rettore dell’Università degli Studi di Palermo

Sabato 31 ottobre si è svolta all’interno della sala Magna di Palazzo Steria la cerimonia di passaggio di consegne tra il rettore uscente Roberto Lagalla e il neo rettore Fabrizio Micari. Presenti in sala, oltre alle autorità e ai rappresentanti delle istituzioni e del mondo accademico, anche il Cardinale Romeo, il Sottosegretario del MIUR Davide Faraone, il sindaco Leoluca Orlando e il presidente della CRUI Gaetano Manfredi. A moderare la cerimonia il decanoa dell’Ateneo Francesco Maria Raimondo, nell’ultimo suo atto prima del collocamento in quiescenza.

Nell’occasione è stato firmato un protocollo d’intesa tra l’Università degli studi e il Comune di Palermo, ultimo atto dell’ormai ex Rettore Lagalla che prevede la fruizione del parcheggio di via Ernesto Basile e il comodato d’uso dell’ex Opera Pia Collegio di San Rocco. L’assessore regionale all’istruzione Mariella Lo Bello ha annunciato la firma di un decreto con il quale si dispone l’erogazione di 600 dottorati di ricerca per gli Atenei siciliani, mentre Faraone ha annunciato il via libera al progetto dell’Università di Palermo per l’alfabetizzazione di immigrati a bassa scolarizzazione, con l’intento di favorirne l’integrazione e l’avanzamento culturale al polo decentrato di Agrigento. Il Ministero finanzierà il progetto con 175 mila euro.

“Ci sono diversi sentimenti che si affollano in questo momento nella mia mente – ha affermato Micari – gratitudine ma anche apprensione ed emozione. L’inizio è molto importante, bisognerà lavorare innanzitutto sulla revisione della macchina amministrativa che deve essere resa maggiormente performante rispetto a quello che viene richiesto ad una Università nel 2015, agire sull’offerta formativa per renderla maggiormente aderente alle esigenze del territorio, potenziare i servizi agli studenti che è una delle attività in cui intendo impegnarmi maggiormente. Inoltre dobbiamo aiutare i giovani a trovare una prospettiva di vita positiva e guardare al loro futuro. Non possiamo più formare i nostri ragazzi e poi assistere inermi alla loro partenza. La possibilità di lavorare fuori deve essere una scelta, non un obbligo. Certo l’università non basta e le altre istituzioni e la politica devono collaborare”.

Riguardo Mariagemma Pecoraro

Mariagemma Pecoraro
Di Favara (AG), rappresentante al consiglio di corso di studi di Scienze della Formazione Primaria, speaker radiofonica.

Leggi anche

udu pal

UDU, l’Università accessibile a tutti

L’UDU è una confederazione di associazioni studentesche, fondata nel 1994, presenti nei più importanti atenei italiani. All’Unione degli Universitari aderiscono ogni anno circa 10.000 ragazzi e ragazze attorno ad un modello organizzativo inedito in Italia, il sindacalismo studentesco. Palermo è una delle basi confederate. L’obbiettivo principale dell’associazione è la tutela della componente studentesca universitaria e quindi la tutela del diritto allo studio, attraverso le azioni di rappresentanza studentesca.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *