Home / #Ambiente / Estate Sicilia 2016, le zone con divieto di balneazione secondo Goletta Verde.
il-rapporto-goletta-verde-2015_articleimage

Estate Sicilia 2016, le zone con divieto di balneazione secondo Goletta Verde.

Goletta Verde, campagna di Legambente dedicata al monitoraggio delle coste e delle acque italiane, come ogni anno ha esaminato i livelli di inquinamento in Sicilia con risultati disastrosi nel 2016.

Diciassette dei ventisei prelievi effettuati hanno rilevato la presenza di una carica batterica notevolmente superiore al limite consentito, evidenziando la carenza dei sistemi di depurazione di canali, foci di fiumi e torrenti dei comuni costieri siciliani, località spesso con alta affluenza di bagnanti e turisti che ignorano il divieto di balneazione.

800px-Mondello_palermo2

Numerose sono le zone dichiarate non balneabili, in riferimento al Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 Marzo 2010, dal monitoraggio della squadra di biologi di Goletta Verde effettuato tramite test microbiologici che operano una distinzione tra:

  • INQUINATO: presenza di Enterococchi intestinali maggiori di 200UFC/100ml e Escherichia Coli maggiore di 500UFC/100ml.
  • FORTEMENTE INQUINATO: presenza di Enterococchi intestinali maggiori di 400UFC/ml e Escherichia Coli maggiore di 1000UFC/ml.

Ecco le zone interessate dal monitoraggio di Goletta Verde:

  1. ME, Barcellona Pozzo di Gotto (Cantone), Foce torrente Termini o Patrì: Fortemente Inquinato
  2. ME, Giardini Naxos (Quartiere San Giovanni), Spiaggia in IV Novembre: Entro i limiti
  3. PA , Termini Imerese (Porto Spiaggia) tra capitaneria e vecchio oleificio e/o tubo di scarico: Fortemente Inquinato
  4. PA, Santa Flavia (Porticello), piano Stenditore lungomare: Fortemente Inquinato
  5. PA, Palermo (Bandita), Spiaggia tra chiesa e ospedale Buccheri La Ferla: Fortemente Inquinato
  6. PA, Bagheria (Aspra Gallodoro), spiaggia a circa 50 m dal tubo di scarico: Entro i limiti
  7. CT, Catania (Lidi Playa), spiaggia libera a destra dell’Aquapark: Entro i limiti
  8. CT, Aci-Castello (Aci-Trezza), sbocco dello scarico fognario all’inizio di Lungomare Galatea dietro statua di Padre Pio: Fortemente Inquinato
  9. SR, Siracusa (Porto Grande-zona Pantanelli), foce del canale Grimaldi: Fortemente Inquinato
  10. PA, Terrasini/Trappeto (contrada San Cataldo), foce del fiume Nocella: Fortemente Inquinato
  11. PA, Terrasini (Diga Foranea porto), scarico della fognatura Terrasini, Fortemente Inquinato
  12. PA, Carini (Villa Grazia di Carini – lungomare Cristoforo Colombo), sbocco scarico fronte Corso Bernardo Mattarella: Fortemente Inquinato
  13. PA, Palermo (Sferracavallo),via Barcarello fronte tubo pompa di sollevamento: Entro i limiti
  14. PA, Carini, sbocco del depuratore presso foce torrente Chiachea: Fortemente Inquinato
  15. TP, Castelvetrano (Frazione di Marinella di Selinunte), foce del canale nei pressi scarico del depuratore: Fortemente Inquinato
  16. TP, Mazara del Vallo (Lungomare di Levante), foce del fiume Arena e foce del fiume Delia: Fortemente Inquinato
  17. TP, Marsala (Spiaggia libera via Vincenzo Florio) tra due lidi: Entro i limiti
  18. TP, Custonaci (Sanguigno), spiaggia in corrispondenza del tubo di scarico: Entro i limiti
  19. AG, Licata (spiaggia a valle dello scarico del depuratore), foce del torrente Pinto: Fortemente Inquinato
  20. RG, Scicli (Arizza), spiaggia in corrispondenza della foce della Fiumara di Modica: Entro i limiti
  21. CL, Gela (Macchitella), foce del fiume Gattano: Fortemente Inquinato
  22. AG, Licata (spiaggia a valle dello scarico del depuratore): Fortemente Inquinato
  23. AG, Porto Empedocle (spiaggia di Marinella-Lido Fico d’India e spiaggia in corrispondenza del torrente Re): Entro i limiti
  24. AG, Realmonte (Villa Romana di Realmonte), spiaggia in corrispondenza del canale nei pressi di Villa Romana: Entro i limiti
  25. AG, Sciacca (Stazzone), foce del torrente Canzalamone: Fortemente Inquinato
  26. Palermo, PA (Tonnara Bordonaro), spiaggia nei presi del tubo di scarico: Fortemente Inquinato

Riguardo Giorgia Ciulla

Leggi anche

policlinico palermo

Risk Management e Organizzazione Sanitaria, in arrivo i primi master

Conclusione della prima edizione del Master Universitario annuale di II livello in “Risk Management e Organizzazione Sanitaria”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *