Home / #Mondo / Emiplegia alternante dell’infanzia, il Progetto IAHCRC-CLOUD Platform
IAHCRC

Emiplegia alternante dell’infanzia, il Progetto IAHCRC-CLOUD Platform

Il Presidente dell’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (I.E.ME.S.T.) Bartolomeo Sammartino comunica che in data Martedì 30 Ottobre 2018, alle ore 15.30, presso la sede dell’Istituto (via Michele Miraglia, 20 – Palermo) si terrà la conferenza stampa di presentazione del Progetto IAHCRC-CLOUD Platform, progetto finalizzato alla realizzazione di una piattaforma internazionale di raccolta e condivisone dati al servizio degli studi collaborativi del Consorzio IAHCRC.

Saranno illustrati agli intervenuti gli aspetti tecnici ed etici, nonché le funzionalità innovative della Piattaforma IAHCRC-CLOUD che ne fanno un Registro di Malattia Rara di Seconda Generazione, implementando i principi e le metodologie proprie del patient engagement e del platform cooperativism. Verranno illustrati anche gli attuali Studi del Consorzio IAHCRC che utilizzano la Piattaforma; tra questi, lo studio longitudinale OBSERV-AHC, coordinato dalla Divisione di Neurologia Pediatrica – Programma per la AHC e Disturbi Correlati della Duke University a Durham, NC USA. Inoltre, verranno fornite alcune anticipazioni sugli sviluppi futuri già previsti per la Piattaforma, per renderla uno strumento aperto, scalabile e adattabile per ogni altra malattia rara.

Il Progetto è coordinato da Rosaria Vavassori, past-president dell’associazione italiana dei pazienti, già coordinatore del Progetto Italiano IBAHC – Biobanca e Registro Clinico per l’Emiplegia Alternante e Registry Manager per la Rete Europea ENRAH. Il team è costituito da alcuni ricercatori dell’Istituto esperti di sistemi informatici, tra cui Fabio Cernigliaro, Maurizio La Rocca e Andrey Megvinov. Partecipano al progetto anche docenti dell’Università degli Studi di Palermo: Giosuè Lo Bosco e Francesco Cappello (direttore scientifico dello I.E.ME.S.T.).

L’Emiplegia Alternante dell’Infanzia (acronimo internazionale AHC) è una grave malattia neurologica che colpisce una persona su un milione. Si tratta di una malattia molto rara, complessa ed eterogenea, ancora poco conosciuta e studiata; la ricerca per lo sviluppo di una cura efficace è tuttora quasi interamente finanziata dalle associazioni dei pazienti. Proprio per queste sue caratteristiche, da sempre la comunità internazionale dei pazienti e dei centri di ricerca e di cura ha sentito l’importanza di collaborare, creando reti, definendo studi multicentrici e condividendo le proprie risorse attraverso strumenti quali i Registri Clinici e le Biobanche.
Grazie ad uno di questi studi collaborativi, è stato possibile individuare – nel 2012 – la causa genetica della malattia: un gruppo di mutazioni specifiche nel gene ATP1A3 che codifica una proteina con funzione di pompa ionica sodio-potassio a livello neuronale. In seguito a questa scoperta, è stato formalmente creato il Consorzio Internazionale IAHCRC, una rete di centri clinici e di ricerca di base di cui anche l’Istituto IEMEST è entrato a far parte, operando con il supporto economico, tecnico e logistico dell’alleanza internazionale dei pazienti.

Per maggiori informazioni sul Progetto IAHCRC-CLOUD:
www.iemest.eu/it/progetti-iemest#IahcrcCloud

Si prega di confermare la propria partecipazione via email all’indirizzo: segreteria@iemest.eu entro venerdì 26 ottobre 2018.

Riguardo dario.matranga

dario.matranga
Dario Matranga, classe '65 palermitano, è il direttore responsabile del giornale IoStudio fondato 2005 . Giornalista professionista, è anche capo Ufficio Stampa dell'Ersu da maggio 2000. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche e ha lavorato in uffici stampa nazionali e internazionali per organizzazioni giovanili e sindacali. E' impegnato anche nel mondo dell'associazionismo sindacale. La mail a cui potete scrivergli è ufficiostampa@ersupalermo.gov.it oppure dario.matranga65@gmail.com

Check Also

Viaggiare in Europa

DiscoverEU, altri 14 500 giovani alla scoperta dell’Europa

Più di 14 500 diciottenni, selezionati tra quasi 80 000 candidati, si sono aggiudicati un biglietto DiscoverEU e potranno viaggiare per un massimo di 30 giorni tra il 15 aprile e il 31 ottobre 2019.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *