Home / #OltreUnipa / #eioNONpago il posteggiatore: dal video virale alla campagna degli adesivi

#eioNONpago il posteggiatore: dal video virale alla campagna degli adesivi

Il problema dei parcheggiatori abusivi dilaga sempre più in città, per questo, i ragazzi di Lalapa e di Iniziativa Territoriale Palermo hanno deciso di scendere in strada e intervistare i parcheggiatori abusivi realizzando un video ironico, diventato virale, dove i lavoratori improvvisati dicono la loro.

Immagine: lalapa.it
Immagine: lalapa.it

Dieci minuti di risate che lanciano un messaggio di denuncia contro questo fenomeno sempre più problematico a Palermo.
Per sensibilizzare i cittadini, inoltre, le due associazioni hanno lanciato la campagna degli adesivi contro i parcheggiatori abusivi. Verranno distribuiti gratuitamente domenica 12 Giugno in via Maqueda dalle ore 15.00 alle ore 19.00 e domenica 19 giugno davanti il Charleston di Mondello dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
“Abbiamo scelto di prendere posizione e di non rispondere più ad alcuna richiesta di denaro. Forse pecchiamo di ottimismo – afferma Tiziana Di Trapani cofondatrice di Lalapa – ma in fondo nutriamo ancora la speranza che le cose possano cambiare”.
Dal video emerge che si tratta di gente normale costretta a “guadagnarsi il pane” per “campare la famiglia” in maniera illegale. E forse neanche più di tanto visto che la legge non prevede la possibilità di una vera e forte azione legale per contrastare il fenomeno. Il codice della strada, infatti, si limita a sanzionare con ammenda da 765 a 3.076 euro chi viene colto in flagrante, ma questo provvedimento risulta inutile se applicato ad un nullatenente. Diverso è il caso in cui una vittima denuncia per estorsione il posteggiatore, poiché trattandosi di un reato peanle è prevista la reclusione.
E se il posteggiatore non è “forzivo”, ma il pagamento avviene solo “a facoltativa”? In questo caso la vittima non è più una vera e propria vittima, ma più assimilabile alla figura del complice.
“A prescindere dalla legge – afferma Pasquale Pillitteri cofondatore di Lalapa – se domani tutti i palermitani decidessero davvero di non pagare più i posteggiatori abusivi, questi non potrebbero più imporre il loro ruolo. Forse è un’utopia, perché prendere una posizione così netta non è da tutti. Le possibili ritorsioni e i potenziali danni alle auto influenzano più di quanto si possa immaginare il modo di agire e, proprio per paura si può passare da vittime a complici. La paura, infatti, può spingere anche il cittadino più onesto alla condiscendenza e al pagamento, fino all’accettazione di una condizione imposta. Ma a lungo andare – conclude Pillitteri – anche la paura si stanca e ci si accorge che non ha più senso lamentarsi di una tassazione autoimposta senza passare all’azione”.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

logo UNIXCENTO

UniXcento, tutela degli studenti

UniXcento è un’associazione studentesca, senza scopo di lucro, che persegue fini di utilità sociale. Nata nel 2008 dall’esperienza di studenti dell’Università degli Studi di Palermo, di tutte le Facoltà e provenienti da diverse parti della Sicilia, UniXcento pone come obbiettivo la tutela dei diritti degli studenti fuori sede.

One comment

  1. Complimenti sono un sostenitore dell iniziativa io da tempo già non paga i posteriori abusivi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *