Home / #EfeboCorto / Efebo Corto Festival: a villa Garibaldi per vedere la sfida di 72 ore
etrio

Efebo Corto Festival: a villa Garibaldi per vedere la sfida di 72 ore

Il tempo si stringe e l’attesa si fa sempre meno breve per i partecipanti dell’11ª edizione dell’Efebo Corto Festival. Sole 72 ore per progettare, realizzare e montare un cortometraggio che potrebbe essere quello vincente. I gruppi sono alla ricerca di luoghi simbolici che possano maggiormente attrarre visivamente lo spettatore per convincere la giuria. Ma tutto sta a loro, nella bravura di saper creare una buona storia e nel montarla nel modo più ottimale, dopo essersi serviti di semplici mezzi informatici quali smartphone e tablet.

IoStudioNews si è recato a Villa Garibaldi per assistere a qualche scorcio di ripresa di tre giovani studenti. Etrio Fidora (addetto alla regia), Roberto Salvaggio (al montaggio) e Costanza Arena (fotografa) sono colleghi e studiano all’Accademia delle Belle Arti di Palermo. Si sono conosciuti tre anni fa durante un corso, quello di “Audiovideo e multimedia” e da allora sono amici. Raccontano di essersi ritrovati subito nella passione e nel modo di concepire la cinematografia. I loro sogni sono proprio inerenti a questo ambito, oggetto del loro studio, e anche materia sul quale si stanno prontamente confrontando in questi giorni. I ragazzi hanno già esperienze pregresse: a settembre hanno girato un lungometraggio con mezzi e una troupe più cospicua, “Totò e vice” di Franco Scoldati e hanno collaborato con attori professionisti. Vari i luoghi usati per la scena: dalla Magione alla stazione centrale, a teatri. Importante la presenza di Roberta Sardella, un soggetto del loro corto. La loro maggiore difficoltà è stata la reperibilità di certi elementi indispensabili per regolamento, ma tuttavia hanno sostenuto di essere a passo col tempo.

Ha sostenuto Etrio: «Pensiamo insieme, le nostre idee sono intercambiabili anche dopo aver scritto la sceneggiatura. Ci fidiamo ciascuno dell’altro perché ognuno di noi è specializzato in un ambito».

Per il video del backstage:

Riguardo Miryam Lo Dato

Miryam Lo Dato
Laureata in Lettere presso l'Università degli Studi di Palermo, specializzata in Filologia Moderna e Italianistica.

Leggi anche

i vincitori di 72 ore film project provenienti da Catanzaro

I vincitori dell’Efebo Corto Festival 2015: i “GR3D” si raccontano

Grande successo per i vincitori dell’11ª edizione dell’Efebo Corto Festival 2015. Il cortometraggio che ha …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *