Home / #ErsuCultura / Eccellenza siciliana valorizzata in Germania: ecco l’esperienza di Nino Vetri
nino_vetri

Eccellenza siciliana valorizzata in Germania: ecco l’esperienza di Nino Vetri

Nino Vetri,  musicista e scrittore palermitano, è diventato negli ultimi anni una delle eccellenze culturali “made in Italy” nel mondo. Noto per titoli come “Sufficit” o “Michelangelo”, pubblicati da Sellerio, lo stile ironico, elegante e diretto dell’autore palermitano era già stato apprezzato da scrittori come Andrea Camilleri.sufficit-di-nino-vetri-sufficit-l-x8d9gu

Ma le sue opere, che parlano di Palermo (senza che il nome della città venga mai nominata), superano le frontiere italiane e conquistano il contesto tedesco.

La collaborazione con la casa editrice tedesca di riferimento, l’ Edition Fotopeta Berlin, è nata quasi per caso. Infatti, l’autore è stato “scoperto” da Andreas Rostek, responsabile della casa editrice, al Festival della letteratura di Bologna, da cui è nata una collaborazione ancora attiva oggi.

“Ho notato come in Germania si cerca di valorizzare lo scrittore sconosciuto, che non necessariamente è legato a grandi case editrici. Sono felice di questo evento, da cui è iniziata questa collaborazione”.

La piccola casa editrice indipendente si è così interessata alla traduzione di tre opere dell’autore, “Lume Lume”, “Le ultime ore dei miei occhiali” (opera con cui nel 2010 vince il Premio Vittorini) e “Il Michelangelo” (tradotto in tedesco “Mamas wunderbas herz”-“Meraviglioso cuore di mamma”). Queste tre opere, sempre per volontà della casa editrice, sono state raccolte in una trilogia, dal titolo Die Palermo-Trilogie.

 

Riguardo Mariacarmela Misuraca

24 anni, Ribera. Laureata in Studi Filosofici e storici presso l'Università di Palermo. Attualmente sono laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

Teatro di San Carlo 2018

Il musical torna al Teatro Massimo con “My Fair Lady”

Va in scena al Teatro Massimo di Palermo dal 26 novembre al 3 dicembre My Fair Lady, il famosissimo musical di Alan Jay Lerner e Frederick Loewe. Dirige il direttore inglese Wayne Marshall, alla regia di Paul Curran. L’allestimento, in coproduzione con il Teatro San Carlo di Napoli, vede le scene di Gary McCann e i costumi di Giusi Giustino, con le coreografie di Kyle Lang e le luci di David Martin Jacques.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *