Home / #ErsuCultura / #DOMENICALMUSEO: Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese al GAM
foto tratta da: palermo.for91days.com
foto tratta da: palermo.for91days.com

#DOMENICALMUSEO: Ingresso gratuito ogni prima domenica del mese al GAM

Ogni prima domenica del mese, l’ingresso alla Galleria d’Arte Moderna sarà gratuito per tutti.

In oltre un secolo di storia la Galleria d’Arte Moderna ha attraversato un lungo percorso che ha portato all’incremento delle collezioni, ma soprattutto alla sua affermazione come una delle istituzioni culturali più moderne e vitali della città di Palermo. Intitolato a Empedocle Restivo, promotore della sua costituzione a inizio del secolo scorso, il Museo ha aperto i battenti nel Ridotto del Teatro Politeama il 24 maggio del 1910, ponendosi immediatamente come obiettivo principale quello di rendere fruibili le testimonianze dell’esaltante stagione della belle époque in un periodo di grande fermento culturale ricco di nuovi progetti per la città. Una storia scritta anno dopo anno con lo sguardo sempre rivolto al futuro e che dal 2006 continua all’interno del Complesso monumentale di Sant’Anna, la nuova sede adeguata – sia a livello stutturale che di servizi al pubblico – alle esigenze di un museo del XXI secolo.

Nei nuovi spazi, con un rinnovato ordinamento scientifico, sono esposte oltre duecento opere tra pitture e sculture, suddivise in quattordici sezioni tematiche e monografiche che illustrano il percorso delle arti figurative in Italia tra Otto e Novecento a testimonianza del ruolo che pittori e scultori di rilievo nazionale hanno assunto nelle vicende della Palermo modernista.

Tra i più grandi capolavori: le grandi tele di formato monumentale di Giuseppe Sciuti, i paesaggi di Francesco Lojacono, il naturalismo di Antonio Leto, i rimandi Art nouveau di Ettore De Maria Bergler, il gusto scintillante e luministico di Giovanni Boldini e la densa stagione del Novecento, testimoniata da autori come Massimo Campigli, Felice Casorati, Mario Sironi, Renato Guttuso, Franz von Stuck, che ci restituiscono le atmosfere e le suggestioni di una moderna capitale europea.

Il progetto generale di ordinamento scientifico del Museo è stato realizzato con la direzione di Lidia Savoja e Antonio Gerbino e curato da un gruppo di studiosi coordinato da Fernando Mazzocca e composto da Gioacchino Barbera, Luisa Martorelli, Antonella Purpura e Carlo Sisi. Il progetto di allestimento è stato firmato da Corrado Anselmi e quello illuminotecnico da Leonardo Adragna.

L’ordinamento scientifico del museo è articolato in 14 sezioni tematiche che consentono un’agevole lettura della fisionomia e della storia delle collezioni.

Le 214 opere esposte (176 dipinti e 38 sculture) disegnano i percorsi che, dalla fondazione della Galleria fino ad oggi, hanno contribuito alla formazione di un nucleo rappresentativo del meglio dell’arte moderna in Italia: dalle acquisizioni dei primi del Novecento secondo quel gusto che privilegiava gli acquisti presso le più importanti rassegne nazionali e internazionali (come le Biennali di Venezia)  o presso prestigiose gallerie private, ai lasciti  e alle donazioni.

Ma il percorso espositivo rappresenta solo la punta dell’iceberg del patrimonio custodito nella collezione della GAM, la sintesi più visibile.

I depositi costituiscono infatti il volto in ombra, ma certo non meno interessante, del museo: un indispensabile serbatoio che custodisce le opere escluse, spesso principalmente per motivi di spazio, che sono però in egual misura studiate e rese fruibili sia attraverso la pubblicazione di un regesto esaustivo, sia attraverso esposizioni dedicate, tra cui la recente mostra Il Museo tra storia e costume.

Sul sito web del museo potete dare uno sguardo esaustivo a tutte le opere per avere un idea e decidere come strutturare la vostra visita: www.gampalermo.it

La domenica , inoltre, per chi prenoterà il brunch sarà gratis anche la visita guidata delle ore 11.00 (Durata 90 minuti, senza il brunch al costo di soli 3€).

Il brunch è disponibile dalle 11.00 alle 16.00 presso la caffetteria del museo e prevede un allettante menù di fine estate composto da quiche di verdure, gnocchetti di Gragnano ai profumi di Sicilia, riso Venere mille colori, insalate di cereali, una selezione di frittate, torte e brioche sia dolci che salate. Il menu, da gustare con pigrizia in questa prima domenica di settembre, comprende anche una bevanda a scelta tra succhi acqua o birra, e l’immancabile caffé lungo. Costo 10 euro per gli adulti e 5 euro per i bambini.

Il museo propone inoltre tanti appuntamenti per tutta la famiglia: alle ore 11.00 per i bambini c’è “Giochiamo con le mani” visita–laboratorio alla scoperta dei materiali che gli artisti utilizzavano per dare forma alle grandi sculture del museo.  In laboratorio, potranno maneggiare l’argilla cruda per dar vita alla loro creazione. Durata 90 minuti. Costo 5 euro a bambino.

 

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Check Also

“The Game”, Alessandro Baricco a Palermo per presentare il suo nuovo libro

Mercoledì 5 dicembre Alessandro Baricco presenta il suo nuovo libro, "The Game", al cinema Rouge et Noir .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *