Home / #CampusLife / DESIGN & TERRITORIO 2017: la mostra del Laboratorio di Disegno Industriale
21730933_1654689901262477_9201298013190232164_n

DESIGN & TERRITORIO 2017: la mostra del Laboratorio di Disegno Industriale

21764894_779012158947827_7826273225015513237_nIl 29 settembre, presso il Real Albergo dei Poveri (corso Calatafimi, 217), dalle ore 18, si terrà la mostra DESIGN & TERRITORIO 2017, in cui i protagonisti principali saranno gli studenti del laboratorio di Disegno Industriale, tenuto del professore Dario Russo.  Si tratta della tappa conclusiva dello stesso laboratorio, la cui finalità è di di stimolare il rapporto tra Università e aziende, il TERRITORIO, creando quindi un mix di ricerca, sperimentazione e innovazione.

Sono sette le aziende coinvolte, – Bibo-Diesse, Caruso Handmade, Desigea, IDEA, Palumbo Marmi – le quali investono sul Laboratorio di Disegno Industriale di Dario Russo per stimolare la progettazione di prodotti innovativi e comunicazione integrata.

Tale collaborazione permette agli stessi studenti di avere una preparazione non solo di carattere teorico, ma anche pratico; ma è utile alle stesse aziende, in grado di mettersi in discussione attraverso la ricerca e la sperimentazione.

Il tema generale della mostra è il Bagno del futuro, a cui ciascuna azienda corrisponde un tema specifico di progetto. A queste si aggiunge il tema non aziendale UNIPA ovvero il progetto grafico delle locandine universitarie.

La mostra sarà visitabile entro il 9 ottobre. Per maggiori informazioni consultate il programma Link.

 

Riguardo Mariacarmela Misuraca

24 anni, Ribera. Laureata in Studi Filosofici e storici presso l'Università di Palermo. Attualmente sono laureanda in Scienze filosofiche.

Leggi anche

251a025d-9b0f-4326-bf4f-df10c27cafcc

Vivere Ateneo, gli studenti per gli studenti

Vivere Ateneo è un'associazione studentesca che nasce da un gruppo di studenti dell’Università degli Studi di Palermo. L’associazione si basa su quei valori definiti “non negoziabili“, sul potere della condivisione e sui diritti dello studente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *