Home / #OltreUnipa / Dai musei russi a Palazzo Sant’Elia: Palermo ospita i tesori degli zar
A Stroll in Palermo by Franz Ludwig Catel Russia, 1850-90s Wood, gesso, mastic

Dai musei russi a Palazzo Sant’Elia: Palermo ospita i tesori degli zar

Dall’11 ottobre all’11 dicembre, Palazzo Sant’Elia ospiterà una collezione di oggetti appartenuti agli imperatori russi e provenienti dai più importanti musei della Federazione Russa. La mostra “Il secolo dei musei: 100 capolavori dalle residenze imperiali della Russia: Peterhof, Tsarskoe Selo, Gatchina, Pavlovsk” porterà a Palermo, per la prima volta in assoluto, dalle quattro residenze imperiali russe, oggi trasformate in museo, oggetti, arredi, tele. La mostra, coordinata per la parte italiana dal sovrintendente di Sant’Elia, Antonio Ticali e per la parte russa da Elena Kalnitskaya, direttore generale GMP Peterhof,  è uno dei progetti chiave del festival internazionale “Russian Seasons in Italy”, nato dalla sinergia tra la Federazione Russa e l’Italia.

Table After drawing by Ippolito Monigetti. Peterhof Lapidary Works, St Petersburg, Russia, 1856 Bronze, lapis lazuli 2

Dipinti, acquerelli, costumi, porcellane, bronzi, mobili, creati dai migliori artigiani di Russia, Italia, Inghilterra, Francia, Cina e altri paesi. Molti dei pezzi in mostra appartenevano direttamente agli imperatori: sono infatti esposte la camicia di Pietro I, le divise degli imperatori Paolo I, Alessandro I, Nicola I, Alessandro II, le poltrone-trono di Nicola I e Alessandro III. L’esposizione includerà particolari dei complessi storici museali: oggetti provenienti dalla scomparsa “Lyons Hall”, che era stata creata per volontà dell’imperatore Alessandro II nel Palazzo di Caterina di Tsarskoye Selo; un frammento di un parquet unico, vera opera d’arte, rubato dagli invasori nazisti durante la seconda guerra mondiale, rintracciato successivamente a Berlino e restituito al museo nel 1947; il famoso servizio Guryevsky realizzato per Alessandro I dalla Fabbrica di Porcellana Imperiale: per la sua decorazione sono stati usati diversi chili d’oro. E molti altri pezzi di arredamento e bronzo realizzati dalle migliori maestranze russe.

allestimento (2)

Ciascun oggetto presente alla mostra è prezioso non solo per il suo altissimo livello artistico, ma anche (e soprattutto) per il profondo significato storico e culturale che lo lega al Paese: nelle residenze, depredate e abbandonate durante la guerra, furono spesso gli stessi dipendenti a nascondere i pezzi – rischiando in prima persona, con le loro famiglie – e a riportarli nei palazzi, subito dopo il conflitto, salvandone di fatto la memoria. I pezzi che fanno parte dell’esposizione, sono arrivati a Palermo con una scorta armata e accompagnati dagli esperti dei quattro musei.

Sala Pavlosks reserve

La mostra sarà visitabile dal martedì al venerdì dalle 9:30 alle 18:30, mentre sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:30. Il costo dei biglietti è: 6€ (intero), 5€ (ridotto), 3€ (scuole). E’ previsto un ridotto speciale con i coupon de Le vie dei Tesori nei weekend dal 12 ottobre al 4 novembre.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

Gioa

Donne che fanno impresa, da Gioa a Martina Ciaccio: la Sicilia nelle loro creazioni

Cresce il numero di imprenditrici siciliane che sceglie di restare in Sicilia e scommettere sulla loro terra. Conosciamole insieme!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *