Home / #DopoLaurea / Condivisione e rendita, come fare impresa in casa
Airbnb-660x330

Condivisione e rendita, come fare impresa in casa

Condividere il proprio appartamento e farne un bed and breakfast o addirittura cedere gli spazi di un proprio locale, affittandoli: parliamo di strategie di guadagno per offrire a prezzi accessibili un alloggio a turisti low cost.

Internet è il migliore mezzo di promozione e diffusione del proprio servizio. Il sito airbnb.it permette di pubblicizzare il proprio appartamento e accogliere (o essere accolti), previo contatto.  Un buon inizio per la propria strategia di marketing…

Ma al di là del proprio eventuale “profilo” virtuale (che ormai è anche indispensabile), nella realtà com’è possibile creare un bed and breakfast o un affittacamere?

Anzitutto, la differenza tra le due tipologie di rendita è quella dell’apertura della Partita IVA che è obbligatoria solo per gli affittacamere.

Caratteristica distintiva del B&B è quello di offrire al mattino una buona colazione (con prodotti monouso sigillati) che permetta ai propri clienti/turisti di interagire col “padrone di casa” e, perché no, di consolidare il rapporto anche per un futuro prossimo. L’unico vincolo è il limite di stanze da poter offrire, che nella maggior parte delle regioni è fissato nel numero di tre, con sei posti letto e l’obbligo di interruzione dell’esercizio per almeno tre mesi.

Se hai a disposizione un immobile in cui non abiti allora potresti approfittarne per affittarne le camere. Caratteristica per un affittacamere è quella di possedere fino a un massimo di sei camere (12 posti letto) per offrire un servizio che non è provvisorio/stagionale ma è un servizio continuativo. In questo caso non si è esenti da obblighi amministrativi e abilitazione REC, con relative prove d’esame (per la successiva iscrizione al registro della Camera di Commercio).

Per questo tipo di iniziativa si possono trovare bandi per finanziamenti (anche a fondo perduto) per le spese di realizzazione della struttura, con agevolazioni per i disoccupati.

Ad esempio in Calabria (http://www.pmi.it/economia/finanziamenti/news/89425/finanziamenti-imprenditoria-giovanile-in-calabria.html) ci sono finanziamenti all’imprenditoria giovanile con restituzione delle spese fino al 75%.

Link utili:

– finanziamenti europei http://wikiprestiti.org/finanziamenti-europei/ ;

– incentivi nazionali http://wikiprestiti.org/invitalia/ ;

– contributi delle regioni http://wikiprestiti.org/contributi-regione/;

– finanziamenti in Sicilia http://www.euroinfosicilia.it/

– vi sono ulteriori agevolazioni anche per l’imprenditoria femminile: http://wikiprestiti.org/finanziamenti-imprenditoria-femminile/

Riguardo Ylenia Nasti

Ylenia Nasti
Laureata all’Università di Palermo. Amo i libri, i paesaggi e la cucina siciliana

Leggi anche

WhatsApp Image 2019-03-31 at 09.21.01

Un’egiziana che ama la Sicilia, dopo l’Expo di Milano punta sul food a Palermo

Ola, uno degli esempi per riscoprire Palermo e la resilienza delle persone che se ne innamorano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *