Home / #IoDicoLaMia / Università ed enti territoriali, rapporto da potenziare
Immagine (2) - Copia

Università ed enti territoriali, rapporto da potenziare

Lo scorso 21 Marzo l’Università di Palermo ha organizzato all’interno dell’evento nazionale della CRUI (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane) “Per una primavera delle università”, la giornata di riflessione “Come sarebbe Palermo senza Unipa?!”. Mutuando il titolo della manifestazione, e volando basso dal punto di vista della speculazione teorica, qui occorrerà chiedersi “Come sta Unipa con Palermo?”.

Proveremo a rispondere coninvolgendo anche i lettori che vorranno  raccontare (contattando la redazione) le difficoltà vissute nell’attraversamento quotidiano di quella giungla che è il traffico palermitano, o più ancora a segnalare l’inesistenza di mezzi pubblici idonei. Vogliamo raccogliere le opinioni dei lettori su quanto Palermo sia una città universitaria sotto tutti i punti di vista come ad esempio l’offerta culturale o gli spazi per lo studio individuale.

In quest’articolo la domanda assume un ulteriore significato: c’è da chiedersi infatti come sta l’istituzione universitaria con le istituzioni territoriali (la Regione oltre che il Comune).

Riguardo l’incontro tenuto al Collegio San Rocco, luogo identitario dell’ex facoltà di Scienze Politiche, è bene evidenziare un particolare aspetto privilegiato dagli organizzatori e ufficialmente sottaciuto. Il contesto nazionale in cui si è svolta l’iniziativa era quello delle manifestazioni di protesta delle università per il taglio dei fondi, una protesta diretta verso il Ministero e il Governo (clicca qui per leggere l’O.d.G. della manifestazione nazionale). Una protesta quindi sganciata dal territorio, se non che, a Palermo, la crisi dell’università è stata affrontata proprio con i rappresentanti degli enti territoriali. Forse una denuncia verso una politica territoriale sorda da parte di un’università – e un ERSU – sempre più soli e costretti a lottare in solitaria? Non è bene saperlo.

I toni del dibattito tra i presenti al San Rocco erano istituzionalmente distesi ma non sono mancate le frecciatine e le serie prese di posizione. Fra tutte quella del presidente dell’ERSU di Palermo, Alberto Firenze che, dinnanzi alla promessa della vicepresidente della Regione, Mariella Lo Bello, che prometteva di inviare le date in cui verrà erogato all’ente il contributo di funzionamento ha tagliato corto dicendo di non volere una promessa sulle date ma la certezza dei fondi prima del 31 dicembre.

Certo è che come hanno detto sia il rettore Fabrizio Micari che il sindaco Leoluca Orlando, è impossibile immaginare un’università senza il suo territorio ed è viceversa impensabile un territorio senza la sua università.

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

europa

European Civic Education Day: “We are European”

European Civic Education Day “We are European” è una proposta creata da Giuseppe Verrigno e Gerlando Palillo, a cui hanno già aderito numerosi giovani, con lo scopo di istituire una giornata di informazione sull’Unione Europea in tutte le scuole di ordine e grado di tutti gli Stati membri dell’Unione. L’obbiettivo è quello di sconfiggere la disinformazione e riaccendere la volontà di contribuire quotidianamente al progresso della propria comunità con fatti o idee.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *