Home / #Ambiente / Clarabella, una vita da salvare

Clarabella, una vita da salvare

È una storia come tante, quella che sto per raccontarvi, che potrebbe salvare la vita di Clarabella, cagnolina lasciata al Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita, nel quale ancora vive e spera che arrivi il giorno in cui troverà chi, a differenza di chi l’ha tradita, come se fosse soltanto qualcosa di cui disfarsi, le saprà dare tutto l’amore che merita.

Clarabella è presumibilmente nata nell’agosto 2010; una volta arrivata al rifugio sembrava sana, ma, ben presto, i volontari si sono resi conto che dimagriva a vista d’occhio e non riusciva ad assimilare quello che mangiava.

Molto spesso è proprio la malattia dell’animale che spinge l’uomo a liberarsene, magari per i costi delle cure, magari per il tempo, magari perché non ne ha voglia alcuna.

A seguito di numerosi controlli è risultato che il suo era ed è tutt’ora un problema grave: soffre infatti di una patologia che si chiama enteropatia che, fra le altre cose, causa problemi di malassorbimento.

Al momento il suo problema è stato attenuato sia da una speciale alimentazione, sia da una cura ciclica di antibiotici, alla quale risponde bene.

Purtroppo, finito un ciclo di cure e terapie, Clarabella torna a star male.

Anche solo pensare di andare avanti così a lungo è impossibile, non si può essere in salute solo a cicli.

I volontari del rifugio hanno trovato per lei un rimedio temporaneo, ma, per potere stare realmente bene e migliorare la qualità della sua vita, bisognerebbe trovarle un ambiente sano, definitivo, al riparo da eventuali virus, e, per ovvi motivi, il rifugio non le può di certo garantire tutto questo.

Clarabella potrà quindi stare bene solo quando sarà al sicuro in una casa. Se, infatti, i volontari interni ed esterni si battono per tutti gli ospiti del rifugio affinché possano trovare una sistemazione definitiva, per Clarabella è un’assoluta necessità, ne va della sua vita.

Inoltre, poiché costantemente sotto cura, è costretta a vivere in un box da sola e non è di certo questa la vita che merita né quella che noi ci auguriamo per lei.

Clarabella può mangiare solo il mangime specifico “Intestinal”, che però è piuttosto caro e per chi lavora al rifugio comprarlo è sempre più un problema serio, quindi se qualcuno volesse aiutarli donandolo può portarlo al Rifugio Favorita in Viale Diana 3 tutti i giorni tra le 9:00 e le 16:00 (va bene qualsiasi marca purché sia Intestinal).

Clarabella è vivace, esuberante e per questo ha bisogno di molto movimento, dunque per lei si consiglia una casa con giardino o qualcuno che abbia tempo ed energia da dedicarle e che sia disposto a farle fare lunghe passeggiate. È di taglia grande e sterilizzata, caratterialmente è una cagnolina dolcissima e socievole con le persone, ma sicuramente per lei non è consigliabile la compagnia di bambini ed è da valutare per la convivenza con un altro cane maschio.

È adottabile in tutta Italia (anche a distanza), con controlli pre e post affido, e firma modulo d’adozione.

 

Video: http://youtu.be/szLgy8kDs4s

 

Per info:

Il Rifugio del Cane Abbandonato della Favorita si trova a Palermo in Viale Diana n° 3.

Orario di apertura al pubblico:

lun/merc/giov/ven 15:00-18:00

sabato 13:00-16:00

domenica e festivi 11:00-14:00

 

Per info sul rifugio, i cani, le donazioni, il volontariato e tutto quello che avete voglia di chiedere ecco i contatti:

Telefono: 3405512698

Email: info@legadelcane-pa.org

Sito web: www.legadelcane-pa.org

https://www.facebook.com/legadelcane.palermo

Riguardo Elisabetta Lucia Medaglia

Elisabetta Lucia Medaglia
29 anni, di Palermo, ho conseguito la Laurea Magistrale in Giurisprudenza nel 2014, mi sono abilitata prima come giornalista pubblicista e, in seguito, come Perito Grafologo Professionista , e sono cultore di Filosofia del Diritto presso l'università LUMSA di Palermo .

Leggi anche

logo_total

LA BIOECONOMIA E LE AREE A ELEVATO RISCHIO AMBIENTALE. WORKSHOP A PALERMO

Il prossimo 24 settembre si terrà a Palermo (presso l’Hotel La Torre) l’evento dal titolo “Aree ad elevato rischio …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *