Home / #IoDicoLaMia / Chiamare all’azione: l’ANDE aderisce all’iniziativa lanciata da 13-10
Save the date

Chiamare all’azione: l’ANDE aderisce all’iniziativa lanciata da 13-10

Nonostante i grandi passi avanti fatti dall’Europa, fin dal momento della creazione di un’unica realtà, coesa nell’unione tra gli stati membri, oggi più di ieri è necessario fare appello alle nazioni per una rinnovata esigenza di adesione ai valori della libertà e della pace. L’Europa è infatti oggi minacciata da pericolose correnti nazionalistiche, che ne minano le fondamenta e rischiano di sgretolarne le strutture portanti: stato di diritto, democrazia, apertura transfrontaliera, mobilità.

Contro il nazionalismo, l’odio, l’intolleranza verso il prossimo, il razzismo e la corruzione, sabato 13 ottobre, a partire dalle ore 14:00, si svolgerà una manifestazione in tutte le città d’Europa (non solo nei Paesi membri dell’Unione Europea) alla quale hanno già aderito cinque milioni di cittadini.

L’A.N.D.E. (Associazione Nazionale Donne Elettrici) aderisce all’appello lanciato da 13-10, un progetto guidato dallo scrittore svizzero tedesco Jonas Lüscher e dal filosofo austriaco Michael Zichy, riconoscendo, a partire dall’articolo 4 del suo statuto di fondazione, l’importanza dell’Europa unita.
“Ritengo – afferma la Presidente Nazionale, Marina Lilli Venturini – che l’Ande abbia il dovere, in questo momento di grave crisi democratica, non solo del Paese ma anche a livello Europeo, di far sentire la sua voce e partecipare”.
L’A.N.D.E. Palermo aderisce all’iniziativa. Maggiori informazioni e dettagli al link: https://13-10.org/

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Check Also

capitale della cultura

Riflessione su 40 metri di Capitale della Cultura che forse non ci meritiamo

Forse questa città bella, profonda, dannata, immanente, altera non ce la meritiamo. Perchè non sappiamo scoprirla dietro le mura, nei vicoli, con le sue storie. Incapacità del lettore, incapacità della lettura o incapacità dell'insegnante?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *