Home / #ErsuCultura / A Camilleri la cittadinanza onoraria di Agrigento
foto: faraweb.it
foto: faraweb.it

A Camilleri la cittadinanza onoraria di Agrigento

Si è tenuta a Roma, nel febbraio scorso, in Campidoglio la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria della città di Agrigento allo scrittore Andrea Camilleri.
Durante la manifestazione, che ha visto presente anche il sindaco agrigentino Lillo Firetto, il papà di Montalbano ha affermato di essere diventato “concittadino di nonno Pirandello”.

foto: left.it
foto: left.it

Orgoglioso dell’ onorificenza ricevuta ha dichiarato: “Come si fa a non essere contenti quando un paese ti vuole suo cittadino? E’ un gesto di affetto e stima che ti onora e nello stesso tempo ti commuove. Non e’ un riconoscimento letterario, e’ un riconoscimento umano e questo mi fa assai piu’ piacere”. Con i suoi 90 anni, Camilleri è uno scrittore da oltre 30 milioni di copie vendute il tutto il mondo con libri tradotti in diverse lingue. Ma il suo successo non riguarda solo i libri, Camilleri è stato anche regista e sceneggiatore e, anche se molti non lo sanno, si è cimentato anche nei panni di attore.
Originario di Porto Empedocle, il papà di Montalbano è un personaggio poliedrico e dalle mille risorse che, però, è rimasto sempre legato alla sua Sicilia. Ed è proprio ad Agrigento che, trascorrendo qui una parte della sua vita, Camilleri si è formato. Ha studiato, infatti, al liceo classico agrigentino, dove ha ricevuto molti insegnamenti importanti da parte di due professori che lui reputa ancora oggi dei “maestri”. Ed è sempre qui che lo scrittore ha stretto lunghe e forti amicizie.
Durante la cerimonia l’ Anas ha annunciato, inoltre, che la strada statale 640 di Porto Empedocle, cambierà nome e sarà chiamata “La strada degli scrittori“, in onore, oltre che di Camilleri, di autori come Luigi Pirandello e Leonardo Sciascia, che hanno vissuto negli stessi luoghi che la statale attraversa.

 

 

Riguardo Giorgia La Marca

Check Also

37376094_10217045061428481_5722425614133100544_n

“The Black Hand – La vera storia di Joe Petrosino”, l’autore e giornalista americano Stephan Talty a Palermo

La storia del poliziotto Joe Petrosino, ucciso a Palermo durante un agguato da parte della mafia, ricorda quella di molti altri uomini coraggiosi che hanno dato la vita in nome di un ideale di giustizia e di un alto senso delle istituzioni. Il poliziotto italo-americano, nato a Padula, viene ricordato nel libro "The Black Hand", scritto dallo scrittore e giornalista americano Stephan Talty, il quale ha ceduto i diritti della storia all'attore Leonardo Di Caprio, che ne farà una pellicola hollywoodiana.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *