Home / #EatSicily / Calamari Ripieni
Calamari Ripieni

Calamari Ripieni

I calamari ripieni sono un piatto classico e gustoso della cucina di mare e in particolare della cucina siciliana.

Una ricetta popolare, facile da realizzare e allo stesso tempo ricercata: alla tenerezza delicata del mollusco si unisce un cuore morbido di farcitura. Persino il celebre scrittore di gastronomia Pellegrino Artusi ne pubblicò una propria versione sul suo celebre libro “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”.

Ne esistono molte versioni, poiché i calamari sono degli ottimi “contenitori” per ogni sorta di ripieno, data la loro forma a sacchetto; basta dar sfogo alla fantasia e alla creatività nell’armonia di abbinamenti.

Questa ricetta è una preparazione tra le più classiche e appetitose che potrete realizzare per una cena ad effetto o semplicemente per il gusto di preparare qualcosa di diverso.

Calamari Ripieni


 

Calamari Ripieni

PREPARAZIONE:

  • PULIZIA DEL CALAMARO: Rimuovere i tentacoli, gli occhi e il dente. Svuotare il calamaro di tutte le parti interne ed rimuovere la cartilagine presente nel mantello. Eliminare la pelle e tagliare le due ali. Sia i tentacoli che le ali saranno utili per la farcitura. Fare molta attenzione a non bucare il mantello del calamaro.
  • PREPARAZIONE DEL RIPIENO: Mettere una padella sul fuoco medio e lasciare soffriggere uno spicchio d’aglio in olio extra vergine d’oliva. Non appena l’aglio diventa dorato, aggiungere le ali e i tentacoli tagliati a pezzettini, insieme ai capperi. Dopo 5 minuti spegnere il fuoco, rimuovere l’aglio, e spostare il tutto in una ciotola aggiungendo il pan grattato, prezzemolo sminuzzato, sale, pepe e se lo gradite anche il parmigiano. Mescolare il tutto e lasciare raffreddare. Con l’aiuto di un sac à poche o semplicemente di un cucchiaino, riempire i calamari senza però arrivare fino al bordo: è necessario lasciare vuota l’ultima parte per poterla sigillare con uno stuzzicadenti, in modo da non far fuoriuscire il composto durante la cottura. Quindi sigillare i calamari con gli stuzzicadenti e adagiarli su un vassoio.
  • COTTURA: Riscaldare la padella con l’olio EVO e uno spicchio d’aglio e adagiare i calamari ripieni. Versare un bicchierino di vino bianco secco da far sfumare. Proseguire la cottura aggiungendo un pizzico di sale, lasciandoli cuocere a fuoco basso per 10 minuti e girandoli di tanto in tanto. Fare molta attenzione perché i calamari tenderanno a rilasciare acqua che potrebbe far schizzare l’olio.

CONSIGLIO:

I calamari possono essere sostituiti con altri molluschi come totani o seppie.

QUALCHE SAPORITA VARIANTE:

La farcitura può essere un modo divertente per personalizzare il piatto e partendo da quella che abbiamo utilizzato in questa ricetta è possibile aggiungere altri ingredienti:

  • Uvetta
  • pinoli,
  • acciughe
  • pezzettini di caciocavallo;

Inoltre a metà cottura del calamaro ripieno, sia in forno che in padella, si può aggiungere un bicchiere di succo d’arancia.

In alternativa vi consiglio di vedere questo simpatico video, realizzato in collaborazione con la Regione Sicilia.

Riguardo Agostino Ferrara

Agostino Ferrara
Diplomato al liceo scientifico di Alcamo. Studente di Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Palermo. Appassionato di politica e attualità, di scienza e arte e tecnologie informatiche, come anche di modelli economici e finanziari. Collabora con il giornale online "IoStudio" dell'Ersu di Palermo.

Leggi anche

arancine

Santa Lucia, arancina day all’ERSU Palermo

Alla mensa universitaria, per santa Lucia, gli studenti universitari palermitani potranno gustare anche arancine e gateau di patate per santificare la festa. Ma anche cuccia alla crema di cioccolato oppure alla ricotta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *