Home / #OltreUnipa / BRA DAY: ricostruzione dell’identità di donna dopo un tumore alla mammella
BRA DAY: ricostruire l'identità di donna dopo un tumore alla mammella

BRA DAY: ricostruzione dell’identità di donna dopo un tumore alla mammella

Il 18 ottobre è stata la sala congressi IEMEST ad ospitare a Palermo il BRA (Breast Reconstruction Awareness) DAY. L’ iniziativa, giunta alla quinta edizione, in Italia è promossa dalla fondazione Beautiful After Breast Cancer ed organizzata in più di dieci Paesi. Il BRA DAY è un evento di informazione rivolto alle donne e alla possibilità di “riscoprirsi belle” dopo un tumore alla mammella. La patologia è stata discussa sia dal punto di vista socio-sanitario che da quello psicologico. L’obiettivo è quello di rendere le donne consapevoli riguardo alle tecniche di chirurgia ricostruttiva.

Benedetto Di Trapani, vice-presidente A.I.D.O.P. ONLUS (Associazione Italiana Disfunzione Organi Pelvici – ONLUS), Chirurgo Generale e ricercatore IEMEST ha evidenziato come recentemente la mastectomia sia stata sostituita da una chirurgia conservativa della mammella (quadrantectomia) nel trattamento di tumori in stadio iniziale. Questa, insieme alla radioterpia, garantisce alle pazienti le stesse percentuali di sopravvivenza globale ed ha la capacità di dare risultati estetici migliori rispetto alla mastectomia.

Alla mastectomia infatti, come evidenzia Valeria Sorrentino, Psicologa e Presidente Aspic Palermo, è associata una diminuzione notevole della qualità di vita con conseguenze sociali devastanti ed un correlato aumento di diagnosi di depressione e ansia sociale. La Sorrentino ha sottolineato come invece le nuove tecniche di oncoplastica e ricostruzione mammaria permettano oggi ad una donna operata di tumore al seno di non sentirsi mutilata o deturpata ma di poter recuperare il suo Sé corporeo. Ad emergere è la necessità di un approccio integrato multidisciplinare (già presente in alcuni contesti sanitari avanzati) in cui la presa in carico della paziente avviene anche attraverso il sostegno psicologico sia della paziente che del nucleo familiare.

Giuseppe Cuccia, Chirurgo Plastico, responsabile scientifico dell’evento, ha esposto i benefici della ricostruzione con tessuto adiposo autologo,ultima frontiera nell’ambito della chirurgia non invasiva. Cuccia ha parlato anche in termini di numeri, evidenziando come l’incidenza di mortalità del tumore al seno sia di 38.286 donne colpite nel 2010 (fonte: Centro nazionale di epidemiologia dei tumori). Il dato segnala un trend in crescita.

Toti Amato, presidente dell’Ordine dei medici di Palermo ha posto l’accento sul fattore “PREVENZIONE ONCOLOGICA” , evidenziando come questa – grazie agli screening organizzati – sia migliorata , anche se in modo disomogeneo tra le regioni italiane. Gli obiettivi però, secondo Amato, restano lontani, facendo emergere il bisogno di investire di più nella Medicina di genere, ma anche nell’educazione alla prevenzione e nella Medicina di precisione, la cosiddetta medicina personalizzata. Quest’ultima, sfruttando conoscenze acquisite grazie a ricerche sul genoma umano, sfrutta le informazioni genetiche di un paziente ed è in grado di sviluppare terapie sempre più mirate e farmaci sempre più aderenti al danno genetico.

Una curiosità è infine data da Laura dell’Eva, dermopigmentatrice che spiega come la tecnica del “tatuaggio dolce”, attraverso l’utilizzo di un ago (senza anestesia e con colori naturali) possa completare la ricostruzione mammaria correggendo eventuali inestetismi.

Il BRA DAY vuole dunque essere un’ opportunità per diffondere in maniera capillare prevenzione e informazione, per gestire la patologia in modo che riguardi tutti gli aspetti della vita della donna e che possa portare ad una ricostruzione globale del suo essere.

Riguardo Maria Francesca Saija

Maria Francesca Saija
Studentessa della facoltà di Medicina e Chirurgia nell'ateneo di Palermo. Topo da biblioteca fin dal 1995, attualmente cerco di destreggiarmi tra gli impegni accademici e l'amore per l'arte. Ad Agosto 2017 ho auto-pubblicato una raccolta di poesie: Fuochi di paglia (qui il link -> http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/poesia/352633/fuochi-di-paglia/).

Leggi anche

1594285-scuola

MIUR, ecco i dati sulla dispersione scolastica

È disponibile sul sito del MIUR l’approfondimento statistico relativo alla dispersione scolastica nell’anno scolastico 2016/2017 …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *