Home / #CampusLife / Bienni specializzanti ordinamentali dell’AFAM, via al provvedimento del MIUR
MIUR AFAM

Bienni specializzanti ordinamentali dell’AFAM, via al provvedimento del MIUR

La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Valeria Fedeli, ha firmato nei giorni scorsi il decreto che rende finalmente ordinamentali, portandoli fuori dalla fase sperimentale iniziata nel 2005, i bienni specializzanti delle istituzioni dell’AFAM (Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica), equiparando definitivamente i titoli finali con quelli universitari ed assicurando un quadro chiaro fra le equipollenze.  Il sistema tre più due va dunque a regime anche per Accademie e Conservatori.

Con il provvedimento sui corsi biennali di secondo livello, si chiude un percorso iniziato nei primi anni del 2000: con l’emanazione del Regolamento  (D.P.R.) 212 del 2005, infatti, l’attivazione dei corsi accademici biennali nei Conservatori di Musica, nelle Accademie di Belle Arti, negli ISIA (Istituti Superiori per le Industrie Artistiche), nell’Accademia nazionale di Arte drammatica e nell’Accademia Nazionale di Danza è stata possibile solo in via sperimentale. Una provvisorietà che si è protratta a lungo, tanto che con la legge 228 del 2012 (Finanziaria 2013) si è intervenuti per accelerare il processo di chiusura della fase sperimentale. Da allora l’offerta è però rimasta bloccata.

Grazie al provvedimento si giunge ad un punto fermo e sarà possibile attivare corsi biennali ordinamentali , con il via libera anche al rinnovamento dell’offerta formativa. Sarà inoltre possibile procedere alla conversione dei titoli già rilasciati, sia a seguito dei percorsi sperimentali sia a seguito di quelli del vecchio ordinamento, come richiesto anche da studentesse e studenti che, in questo modo, avranno riconosciuto pieno valore, anche a livello europeo, al titolo faticosamente conseguito.

<< Si tratta di una novità attesa – afferma la Ministra Valeria Fedeliche ci mette in linea con il quadro europeo per la riconoscibilità dei titoli e che consentirà finalmente alle istituzioni AFAM di garantire un’offerta formativa più ricca e flessibile. Dal 2012, infatti, non era possibile fare variazioni: l’offerta formativa, in attesa della messa a regime dei bienni specialistici, era stata congelata. Questo sblocco consentirà a istituzioni che costituiscono un tassello importante e di grande pregio del nostro sistema di istruzione di qualificare ulteriormente l’offerta, garantendo opportunità formative in linea con i tempi alle iscritte e agli iscritti. Sull’AFAM stiamo convintamente portando avanti tutte le azioni necessarie per dare ad un settore che il mondo ci invidia le risorse e gli strumenti di cui ha bisogno per operare ai massimi livelli >>.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

20191104_100934

VERTICE IN ASSESSORATO DOPO LA PROTESTA DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI

Gli sviluppi sulla vertenza degli studenti universitari che chiedono maggiori risorse per il diritto allo studio universitario

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *