Home / #CampusLife / Bando di concorso per la borsa di studio “Un fiore per Giulia”
Immagine

Bando di concorso per la borsa di studio “Un fiore per Giulia”

Oggi l’ERSU di Palermo ha pubblicato un bando di concorso per l’erogazione di una borsa di studio denominata “Un fiore per Giulia” in favore di studenti, iscritti all’a.a. 2015/16, orfani di vittime del lavoro.

Il bando di concorso è rivolto agli studenti appartenenti a tutte le istituzioni universitarie operanti sul territorio di competenza dell’ERSU di Palermo.

La borsa ha un valore di 1500 €. Non è compatibile e quindi non è cumulabile con le borse e servizi erogati dall’ERSU di Palermo o da altri enti pubblici. Verrà erogata secondo i medesimi criteri del bando di concorso per i benefici ERSU dell’anno accademico 2015/2016

I termini del concorso spirano il 15 dicembre 2015. Entro quella data gli interessati sono chiamati a svolgere la procedura on-line sul portale dell’ERSU Palermo e a produrre un proprio documento di identità e il certificato dell’INAIL che attesti il decesso del genitore per causa lavorativa.

I fondi per il pagamento della borsa di studio sono messi a disposizione dall’associazione di volontariato “Un fiore per Giulia”. L’Ente Regionale per il diritto allo studio collabora con l’associazione nella definizione della procedura concorsuale.

L’associazione nasce “dalla volontà dei genitori Teresa Vaiarelli e Angelo Foresta, per onorare la memoria della figlia Giulia, prematuramente scomparsa il giorno 1 agosto 2013” a causa di un incidente stradale in Croazia.

Per consultare il bando clicca sul presente link.

Riguardo Andrea Cannizzaro

Andrea Cannizzaro
Nato il 29 luglio 1994 a Palermo dove frequento il corso di studi in Giurisprudenza. La mia mail è andreacannizzaro94@gmail.com

Leggi anche

UniPa per l'ambiente_Inaugurazione Eco-Totem Smartie Water

UniPa per l’Ambiente, arriva il primo Eco-Totem Smartie Water in viale Delle Scienze

Ridurre l’utilizzo della plastica monouso all’interno dell’Ateneo: con questa finalità sarà distribuita agli studenti la “borraccia UniPa”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *