Home / #ErsuCultura / A Ballarò Ri-nasce Cagliostro
cagliostro

A Ballarò Ri-nasce Cagliostro

Dal 2 al 15 giugno si terrà la manifestazione “Cagliostro a Ballarò – Ri – nasce Cagliostro”, promossa dall’Associazione Internazionale Cagliostro in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Palermo.

La figura del palermitano Cagliostro (1743-1795) resta una delle più controverse, delle più discusse e forse meno conosciute della storia.

Secondo il  Certificato di Morte del 28 agosto 1795, custodito a San Leo, Giuseppe Balsamo, conosciuto per conte di Cagliostro, palermitano di patria, cristiano di battesimo, di dottrina incredulo, eretico, celebre per trista fama; dopo aver predicato e disseminato per varie province dell’ Europa gli empi dogmi della setta egiziana, verso la quale aveva attratto con l’inganno una turba quasi innumerevole di seguaci, e dopo essere uscito incolume, per mezzo della sua ingannevole arte, da molte rischiose avventure, fu infine condannato da una sentenza della Santa Inquisizione al carcere perpetuo (in attesa di ravvedimento) nella rocca di questa città.

 

Per maggiori informazioni sulla manifestazione consultare il programma cagliostro

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *