Home / #ErsuCultura / L’arte di arrangiarsi: al San Saverio, il reading Arrangi ARTI
arte di arrangiarsi

L’arte di arrangiarsi: al San Saverio, il reading Arrangi ARTI

 

Giovedì 16 Febbraio, dalle 21:00 alle 23:00, presso la Residenza Universitaria San Saverio, l’Abattoir in collaborazione con Coordinamento UniAttiva e ERSU Palermo presentano l’evento dal titolo “Arrangi ARTI”. Il tema principale è proprio l’arte di arrangiarsi, nodo centrale nelle letture che saranno presentate e accompagnate da intermezzi musicali.

Non solo letture e musica, ma anche satira e riflessione nel reading musicato che verrà messo in scena nell’aula multimediale della Residenza Universitaria San Saverio in via G. di Cristina 7, ad ingresso gratuito. Per l’occasione interverranno  membri e collaboratori di UniAttiva e Abattoir.it, Blog culturale e creativo.

L’artigianato di un tempo deve la sua nascita all’estro e alla capacità inventiva di chi lo ha creato. A Palermo gli esempi sono molti e resistono in tempi in cui è ormai possibile avere tutto a portata di mano. Eppure l’importanza e la poesia di queste attività sembra essersi perso tra le ombre del tempo che avanza.

Tuttavia recuperare e ricordare quell’impegno, quella perseveranza nel raccogliere qualcosa di umile e innalzarlo a mestiere e fonte di guadagno, è necessario per conoscere in modo completo le nostre radici. E’ proprio così che l’arrangiarsi diventa un’arte.

Di seguito la locandina dell’evento:

Arrangiarti

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

Teatro di San Carlo 2018

Il musical torna al Teatro Massimo con “My Fair Lady”

Va in scena al Teatro Massimo di Palermo dal 26 novembre al 3 dicembre My Fair Lady, il famosissimo musical di Alan Jay Lerner e Frederick Loewe. Dirige il direttore inglese Wayne Marshall, alla regia di Paul Curran. L’allestimento, in coproduzione con il Teatro San Carlo di Napoli, vede le scene di Gary McCann e i costumi di Giusi Giustino, con le coreografie di Kyle Lang e le luci di David Martin Jacques.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *