Home / #ErsuCultura / Arte e cultura: il Sistema Museale d’Ateneo alla manifestazione “Le vie dei Tesori”
22497337_10210091930043501_40128633_o

Arte e cultura: il Sistema Museale d’Ateneo alla manifestazione “Le vie dei Tesori”

Frutto dell’iniziativa di giornalisti e operatori culturali, anche quest’anno la manifestazione Le Vie dei Tesori arricchisce Palermo e non solo. Infatti quest’anno il Festival si è esteso ad altre quattro città siciliane: Agrigento, Messina, Siracusa e Caltanissetta.

Ormai per qualche altro giorno di ottobre è possibile fruire delle opere e dei musei che rendono ricca di bellezza e di cultura Palermo. La quantità di musei e ricchezze visitabili è resa ancor di più ingente dal complesso artistico- monumentale messo a disposizione dall’Università degli Studi di Palermo.

Il Sistema Museale d’Ateneo (SIMUA) non solo permette una partecipazione più attività dell’Ateneo alla manifestazione, ma anche rende fruibili e conoscibili le potenzialità artistiche di cui esso dispone. Del resto scopo della manifestazione è quello di presentare un’offerta formativa di qualità che permette ai cittadini di riscoprire il territorio e ai turisti di meravigliarsi delle ricchezze siciliane.

Tra le ricchezze artistiche offerte dall’Ateneo si inserisce: il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi (centro di recupero e restauro di motori, apparecchiature scientifiche, tra cui uno dei soli cinque esemplari rimasti del velivolo storico Fiat G.59), l’Orto Botanico, (fondato nel 1795  e considerato un enorme museo all’aperto, vanta oltre duecento anni di attività che gli hanno consentito anche lo studio e la diffusione, in Sicilia, in Europa e in tutto il bacino del Mediterraneo, di innumerevoli specie vegetali; al suo interno è anche adornato da edifici storici progettati da Dufourny e da Giachery), il Museo di Zoologia ‘P. Doderlein’ ( fondato nel 1863 da P. Doderlein, contiene oltre 8000 esemplari di invertebrati e vertebrati e  da quest’anno una collezione di volumi storici, risalenti alla seconda metà del 1500; inoltre preserva una ricca collezione di pesci del Mediterraneo, conservata grazie ad un particolare trattamento chimico, rimasto celato) .

Si inserisce nel SIMUA anche La Fossa della Garofala, acquistata nel 1950, dall’Università di Palermo. Il luogo, in precedenza, era appartenuto a Luigi Filippo D’Orlèans, Re di Francia, il quale  venne nel 1809 a Palermo per sposare la figlia di Ferdinando III di Borbone, Re di Sicilia e diede inizio alla realizzazione di un elegante giardino, definito sul finir dell’Ottocento come uno dei più belli d’Italia e persino d’Europa. La Fossa prende il nome dal primo proprietario Onofrio Garofalo. Oggi è anche luogo di ricerca e sperimentazione.

Inoltre fanno parte delle ricchezze dell’Ateneo: la Cappella dei falegnami, incorporato dell’edificio dell’ex facoltà di Giurisprudenza in via Maqueda e la Cripta delle Reepentite, nel convento di Santa Maria la Grazia, luogo di suggestione e misteri che ospitò prostitute convertite a vita monastica.

 

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *