Home / #ErsuCultura / Arte e cultura: il Sistema Museale d’Ateneo alla manifestazione “Le vie dei Tesori”
22497337_10210091930043501_40128633_o

Arte e cultura: il Sistema Museale d’Ateneo alla manifestazione “Le vie dei Tesori”

Frutto dell’iniziativa di giornalisti e operatori culturali, anche quest’anno la manifestazione Le Vie dei Tesori arricchisce Palermo e non solo. Infatti quest’anno il Festival si è esteso ad altre quattro città siciliane: Agrigento, Messina, Siracusa e Caltanissetta.

Ormai per qualche altro giorno di ottobre è possibile fruire delle opere e dei musei che rendono ricca di bellezza e di cultura Palermo. La quantità di musei e ricchezze visitabili è resa ancor di più ingente dal complesso artistico- monumentale messo a disposizione dall’Università degli Studi di Palermo.

Il Sistema Museale d’Ateneo (SIMUA) non solo permette una partecipazione più attività dell’Ateneo alla manifestazione, ma anche rende fruibili e conoscibili le potenzialità artistiche di cui esso dispone. Del resto scopo della manifestazione è quello di presentare un’offerta formativa di qualità che permette ai cittadini di riscoprire il territorio e ai turisti di meravigliarsi delle ricchezze siciliane.

Tra le ricchezze artistiche offerte dall’Ateneo si inserisce: il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi (centro di recupero e restauro di motori, apparecchiature scientifiche, tra cui uno dei soli cinque esemplari rimasti del velivolo storico Fiat G.59), l’Orto Botanico, (fondato nel 1795  e considerato un enorme museo all’aperto, vanta oltre duecento anni di attività che gli hanno consentito anche lo studio e la diffusione, in Sicilia, in Europa e in tutto il bacino del Mediterraneo, di innumerevoli specie vegetali; al suo interno è anche adornato da edifici storici progettati da Dufourny e da Giachery), il Museo di Zoologia ‘P. Doderlein’ ( fondato nel 1863 da P. Doderlein, contiene oltre 8000 esemplari di invertebrati e vertebrati e  da quest’anno una collezione di volumi storici, risalenti alla seconda metà del 1500; inoltre preserva una ricca collezione di pesci del Mediterraneo, conservata grazie ad un particolare trattamento chimico, rimasto celato) .

Si inserisce nel SIMUA anche La Fossa della Garofala, acquistata nel 1950, dall’Università di Palermo. Il luogo, in precedenza, era appartenuto a Luigi Filippo D’Orlèans, Re di Francia, il quale  venne nel 1809 a Palermo per sposare la figlia di Ferdinando III di Borbone, Re di Sicilia e diede inizio alla realizzazione di un elegante giardino, definito sul finir dell’Ottocento come uno dei più belli d’Italia e persino d’Europa. La Fossa prende il nome dal primo proprietario Onofrio Garofalo. Oggi è anche luogo di ricerca e sperimentazione.

Inoltre fanno parte delle ricchezze dell’Ateneo: la Cappella dei falegnami, incorporato dell’edificio dell’ex facoltà di Giurisprudenza in via Maqueda e la Cripta delle Reepentite, nel convento di Santa Maria la Grazia, luogo di suggestione e misteri che ospitò prostitute convertite a vita monastica.

 

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Leggi anche

Nilde

Nilde, la mostra fotografica contro la violenza sulle donne

Lunedì 25 novembre (Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne) si inaugurerà al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo(via Maqueda, 172), alle ore 17:00, la mostra fotografica “Nilde”. Un momento di denuncia su un tema purtroppo molto attuale, la violenza sulle donne, che drammaticamente si ripropone con una sempre crescente frequenza. La mostra potrà essere visitata sino al 29 novembre (dalle ore 8:00 alle ore 19:00). Al progetto, diretto da Federica Palmeri e prodotto da ReAzione Giurisprudenza, hanno aderito Amnesty International e l’assemblea nazionale Non una di meno. All’evento sarà presente Letizia Battaglia, figura centrale della fotografia internazionale, che esporrà una foto che immortala Franca Rame negli anni successivi alla violenza sessuale subita nel 1973.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *