Home / #CampusLife / Appunti Condivisi, il nuovo portale creato da un team di studenti Unipa
16790624_394886940866890_1691663650_n

Appunti Condivisi, il nuovo portale creato da un team di studenti Unipa

Qualsiasi studente che decide di intraprendere un percorso universitario in qualunque facoltà, si trova a fare i conti con difficoltà organizzative da non sottovalutare. Bisogna preparare materie affidandosi a tomi infiniti, spesso astrusi, sottolineando, preparando schemi, ripetendo e selezionando gli argomenti più importanti, e tutto questo in un lasso di tempo che sembra non bastare mai.

Lo studio individuale aiuta fino a un certo punto, ma è attraverso la condivisione di materiale didattico che il più delle volte si raggiungono risultati concreti. Esistono, inoltre, applicazioni e programmi che facilitano e rendono diretta la trasmissione di appunti, riassunti, slide, schemi, creati dagli studenti per studenti, ma la loro disposizione a volte può essere generica e non particolarmente specifica per il corso di studi che si frequenta.

Il nuovo portale Appunti Condivisi, creato da un team di studenti Unipa composto da Attilio Cordaro, laureando alla facoltà di Giurisprudenza , Nicola Guarino, laureato in Economia ed Amministrazione Aziendale e Gabriele Orlando, programmatore informatico laureato in Ingegneria Informatica, consente di accedere a tutto il materiale che serve per superare al meglio un esame universitario, selezionando aree di ricerca specifiche per università, facoltà e corso di studi, caricato dai tuoi stessi colleghi di corso.

Appunti Condivisi si basa sulla condivisione. Ogni studente che carica un file ha un credito che può spendere quando deve scaricare un altro file a sua scelta. Se non ha crediti, e non vuole o non ha file da condividere, può acquistare un pacchetto crediti (con costi davvero irrisori) e scaricare subito quello che gli serve. Inoltre, al primo accesso, l’utente riceve 3 crediti bonus.

“A differenza di tutti gli altri portali di appunti e riassunti, – ci spiega Attilio Cordaroche sono generalisti e classificano il loro materiale per macroaree (ad es.: Diritto Privato, o ancora peggio, Diritto), su Appunti Condivisi è possibile reperire tutto in maniera specifica (ad es: Università degli Studi di Palermo –> Facoltà di Giurisprudenza –> Corso di Laurea LMG01 –> Diritto Privato –> Prof. Camilleri, prima cattedra). In questo modo, avrai tutte quelle informazioni, quegli spunti, quegli approfondimenti preziosissimi che il professore rilascia a lezione e che ti daranno una marcia in più nella preparazione del tuo prossimo esame univesitario.”

L’idea è innovativa e nasce da un diretto bisogno, come dice Nicola Guarino: “Se non fossi stato uno studente lavoratore e avessi avuto la possibilità di seguire tutte le lezioni ogni volta,  probabilmente appunti condivisi non sarebbe mai nato. Quindi il mio obiettivo oggi, insieme al mio team, è quello di migliorare la vita a più studenti universitari possibili, aiutando chi non può seguire, chi lavora o vive fuori.  Sono contento ogni volta che uno di loro ci scrive ringraziandoci e raccontandoci di come, grazie ad Appunti Condivisi, è riuscito ad ottenere i risultati che ha sempre meritato e sognato, ovvero quelli che riflettevano il suo impegno.”

E aggiunge Gabriele Orlando: “Quando io studiavo non erano diffusi mezzi di scambio e condivisione di documenti universitari. Si doveva andare a lezione, prendere appunti o registrare file audio. Questi sforzi mi hanno portato alla laurea e successivamente a pensare come potere agevolare le nuove leve universitarie.”

Al momento il portale è dedicato agli studenti dell’Università degli studi di Palermo, ma l’intenzione del team è quella di espandere il canale a livello nazionale.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

Alberto angela Unipa

Laurea ad honorem ad Alberto Angela. La Lectio Magistralis

Un’iniziativa di grande successo, tenutasi nel Complesso Monumentale dello Steri, che ha visto esclusi i tantissimi studenti accorsi nelle prime ore della mattina. Un evento a ingresso libero che in realtà ha ospitato le cariche accademiche e la stampa escludendo i tanti giovani, veri e accorati ammiratori del noto divulgatore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *