Home / Uncategorized / Alzain Tareq, tra record e clamore è la più giovane nuotatrice dei Mondiali di nuoto
Foto tratta da theguardian.com
Foto tratta da theguardian.com

Alzain Tareq, tra record e clamore è la più giovane nuotatrice dei Mondiali di nuoto

Ha 10 anni e ha lasciato senza parole il mondo dello sport entrando nella storia dei Mondiali di nuoto come la più piccola nuotatrice che abbia mai partecipato. Si chiama Alzain Tareq e proviene dal Bahrain, un piccolo Stato situato su un arcipelago vicino le coste occidentali del Golfo Persico. Alzain, figlia di una insegnante e di un nuotatore professionista, ha partecipato alle batterie dei 50 farfalla femminili ai Mondiali di Kazan 2015.

Foto tratta da agi.it
Foto tratta da agi.it

A risaltare la sua statura minuta accanto a quella delle altre partecipanti, più alte e più grandi.
La piccola ha terminato la sua serie all’ultimo posto col tempo di 41 secondi e 13 centesimi, risultando la meno veloce di tutte le 64 partecipanti alle batterie dei 50 farfalla. Una distanza dal podio di ben 15 secondi e 70 centesimi rispetto alla svedese Sarah Sjostrom, la più veloce, con un tempo di 25 secondi e 43 centesimi. La Tareq ha peggiorato di un centesimo il suo record personale, ma a quell’età l’emozione di gareggiare ai Mondiali non lascia certo indifferente. Questa partecipazione è stata per la giovane nuotatrice un passo avanti verso il suo sogno di partecipare all’Olimpiade di Tokyo del 2020.
La Fina, Federazione internazionale di nuoto, a differenza di quelle di altri sport non ha mai imposto alcun limite di età, fatta eccezione per i tuffi, categoria per la quale bisogna avere compiuto quattordici anni. Sono molti i dubbi sollevati da chi vorrebbe delle regole che pongano limiti ben definiti.

Foto tratta da ecomy.it
Foto tratta da ecomy.it

Certo è che la presenza della bambina ha destato molto clamore. Non mancano le perplessità dei nuotatori più grandi. « Io a 10 anni giocavo con le macchinine e il nuoto, quello vero, non entrava nella mia testa. Mi pare troppo ». E’ quanto dichiarato da Marco Orsi. Lo scetticismo in realtà è comune a molti. « Cosa ne penso delle bambine? Giusto fare esperienza, ma a 10 anni non è il contesto adeguato, – dice Elena Gemo, record italiano dei 50 metri dorso in vasca lunga – vedo tanti bambini nello spogliatoio, non si rendono conto nemmeno di dove sono. Chiaro che è il sogno di ogni atleta essere qui, ma a che pro? »
Paolo Barelli, segretario della Fina e presidente Len, oltre che della Federazione Italiana, ammette che bisogna comunque lavorare per omologare i limiti minimi. « Ci sono agli Europa e soprattutto ci sono alle Olimpiadi quindi è giusto che siano anche qui. Non si era presentato il problema fino ad oggi. In effetti il confine è pericoloso ».

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

bandocovid

Emergenza Covid, al via pagamenti per 5.148 studenti universitari siciliani fuorisede in Italia

Gli studenti hanno partecipato al Bando dell’assessorato Regionale dell’Istruzione e Formazione Professionale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *