Home / #OltreUnipa / Alla chiesa del Santo Spirito un pranzo di solidarietà per le famiglie meno abbienti

Alla chiesa del Santo Spirito un pranzo di solidarietà per le famiglie meno abbienti

La chiesa del Santo Spirito di via Filippo Juvara ha aperto le sue porte per trasformarsi in un luogo accogliente in cui i meno fortunati hanno potuto consumare un pasto caldo in compagnia. Promotrice dell’attività, l’associazione culturale Iniziativa Territoriale che ha offerto il pranzo di sabato scorso per mandare un messaggio di solidarietà e di speranza. Pasta al forno, arista, torte salate e dolci. Questo il menù cucinato e servito con cura dai ragazzi dell’associazione che si sono dati da fare per regalare un momento di spensieratezza e di gioia ai presenti.
Il banchetto si è svolto in un’atmosfera familiare, complici i canti intonati sulle note della chitarra di Salvatore Tarantino, membro dell’associazione che, tra una portata e l’altra, ha intrattenuto le famiglie. Una giornata di festa e di allegria per dimenticare, anche solo per poco tempo, le difficoltà quotidiane.
“È stato davvero un momento unico nel quale abbiamo fatto del bene ma ci siamo anche divertiti – ha dichiarato Tiziana Di Trapani, coordinatrice di Iniziativa Territoriale Palermo – abbiamo dimostrato di essere una grande squadra che lavora in sinergia! Grazie ai ragazzi che hanno partecipato, alla signora Silvana, promotrice dell’attività e a Padre Giuseppe per la disponibilità e la cortesia dimostrata.”
La chiesa del Santo Spirito non è nuova ad iniziative del genere, infatti, si occupa quotidianamente di dare sostegno ad una comunità di circa 200 persone tramite la distribuzione di cibo e medicinali e di piccoli aiuti necessari alla vita di tutti i giorni.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

1594285-scuola

MIUR, ecco i dati sulla dispersione scolastica

È disponibile sul sito del MIUR l’approfondimento statistico relativo alla dispersione scolastica nell’anno scolastico 2016/2017 …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *