Home / #ErsuCultura / Al Teatro Massimo debutta un Fra Diavolo moderno e spumeggiante
Fra Diavolo

Al Teatro Massimo debutta un Fra Diavolo moderno e spumeggiante

Fino al 27 marzo va in scena al Teatro Massimo Fra Diavolo, opera comica in tre atti di Daniel-François-Esprit Auber.

Ha debuttato lo scorso mercoledì l’opera Fra Diavolo che con il libretto di scritto da Eugène Scribe racconta la storia del brigante italiano Michele Pezza, famoso per derubare i viaggiatori nell’Ottocento.

Nel cast del Teatro Massimo sono presenti alcuni siciliani: nei panni del protagonista dell’opera vestono Antonino Siragusa e Giulio Pelligra, Zerline è interpretato da Desirée Rancatore nei giorni 25 e 27, mentre il ruolo di Lorenzo, innamorato di Zerline e che ha il compito di smascherare il furfante italiano, è affidato a Giorgio Misseri. Inoltre, fra gli interpreti c’è anche il mezzosoprano palermitano Chiara Amarù nei panni di Lady Pamela e proveniente proprio dal coro di voci bianche del Teatro Massimo.

In questa messa in scena il Teatro Massimo ha utilizzato una stampante in 3D, che sarà possibile vedere in azione nel Foyer del Teatro Massimo fino al 27 marzo.

A Palermo Fra Diavolo manca dal 1989, anno in cui era stato rappresentato al Teatro Politeama Garibaldi. Per la prima volta non soltanto arriva al Teatro Massimo, ma viene rappresentato in lingua francese nel capoluogo siciliano. Il regista Giorgio Barberio Corsetti, sfruttando anche il potente uso del digitale e della stampante 3D, ha spostato l’asse storico in cui è rappresentata tradizionalmente l’opera dall’Ottocento agli anni ’50 e ’60, scelta che vede un naturale richiamo al cinema italiano di quell’epoca. Grazie alle proiezioni sulla scena i personaggi dell’opera attraversano le città su automobili (come avviene ad esempio all’inizio della rappresentazione) e su mongolfiere.

L’opera sarà in scena fino al 27 marzo secondo il seguente calendario:

 

Domenica 25 marzo 2018, Turno D ore 17:30;

Martedì 27 marzo 2018, Turno C ore 18:30.

I biglietti possono essere acquistati online, al botteghino del teatro dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio oppure telefonicamente al numero 091.6053580 o via mail all’indirizzo biglietteria@teatromassimo.it.

Riguardo Valeria Cannizzaro

Valeria Cannizzaro
Sono nata a Palermo nel 1992. Sono laureata in lingue, ho un master in Global Marketing e uno in Business Administration. Sono appassionata di eventi culturali, di libri e di cinema.

Leggi anche

primavera shima

La pianista Primavera Shima per l’ultimo concerto della stagione di Palermo Classica

Per la rassegna invernale “Passione e Impeto” di Palermo Classica, domenica 7 aprile alle ore 19.15 si terrà il concerto della pianista Primavera Shima, acclamata pianista australiana di fama internazionale, che chiuderà la stagione. Interprete di raffinata tecnica, virtuosismo e riflessione, eseguirà un programma dedicato a P.I. Tchaikovsky, S. Rachmaninov e F. Liszt/Wagner. La rassegna“Passione e Impeto” , in programma dal 16 dicembre al 7 aprile 2019, si svolge all’interno dell’Auditorium San Mattia dei Crociferi, in via Torremuzza 29 alla Kalsa. La chiesa, con l’annesso convento, fu edificata nel 1686 da Giacomo Amato, per i Padri Crociferi, ed è disposta su un lotto stretto e lungo. Il prospetto sulla via Torremuzza unisce al rigore tardo-rinascimentale il vigore plastico delle membrature in pietra; sopra il portale principale è un medaglione con l’immagine in stucco di S. Mattia. Presenta una forma particolarmente rara: ha pianta ottagonale coperta da grande cupola. L’edificio conventuale e la chiesa, dal 1886 sono passati di proprietà al Comune e sono stati adibiti ad uffici, oltre ad ospitare mostre ed eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *