Home / #Ambiente / Al Foro Italico nasce il “Parco della Salute”
parco salute invito fto busta

Al Foro Italico nasce il “Parco della Salute”

 

Luogo dedicato alla cura della salute pubblica, spazio dove offrire servizi di assistenza socio-sanitaria, attività ludiche, divulgative e sportive: tutto questo è il “Parco della Salute”, importante progetto che sta prendendo vita nella nostra città grazie a Vivi Sano Onlus, associazione di promozione sociale che al momento conta più di sessanta volontari. Il parco sorgerà nel lungomare del Foro Italico, nell’area conosciuta come “Ex Palmeto” (vicino al Nautoscopio).

Questa idea innovativa nasce dall’esigenza di creare uno spazio adatto alla promozione di corretti stili di vita e , perché no, a diventare punto di riferimento come parco-laboratorio non solo a Palermo ma anche in tutto il sud Italia.

Il nuovo spazio sarà dedicato a tutti, anziani, bambini, genitori, giovani e docenti. L’obiettivo è quello di riuscire a trasmettere e ad insegnare – attraverso attività sportive, laboratori, incontri con specialisti e seminari – l’educazione a corretti stili di vita: alimentari, salutari, ambientali e al rispetto della nostra terra e delle regole comuni per la pacifica e sana convivenza gli uni con gli altri. Saranno creati, infatti, uno spazio dedicato ai bambini, dei percorsi educativi, un campo di calcio e stazioni per il fitness all’aperto. Fondamentale sarà il ruolo attivo svolto dalle associazioni che si occupano di disabilità e dalle collaborazioni con università, scuole, ordini professionali e società scientifiche.

Scopo principale, è quello di rendere accessibile a tutti il parco e le attività offerte al suo interno, attraverso attrezzature che consentiranno ai cittadini con handicap motori la completa partecipazione a tutte le iniziative offerte.

Inoltre il giardino predisporrà, grazie al Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali e all’Orto Botanico di Palermo, di un giardino botanico chiamato “il giardino delle alofite mediterranee” , unico nel suo genere, che riprodurrà un impianto di macchia mediterranea a pochi passi dal mare con scopi di educazione ambientale dedicati alle scolaresche. Nell’area centrale del parco verranno invece realizzata un’area ludica per i bambini, con la costruzione della “Casa della Salute”, dove organizzare attività formative e didattiche.

Il Parco della salute è dedicato a Livia Morello, scomparsa prematuramente a 18 anni per una rara malattia. All’inaugurazione dei lavori hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori Agnese Ciulla, Francesco Maria Raimondo e Giuseppe Gini, il presidente del Consiglio comunale, Totò Orlando, e ancora Salvatore Amato, presidente di Vivi Sano Onlus, Giovanna Gambino, garante regionale della persona disabile, Vincenzo Cannatella, presidente dell’Autorità portuale, e Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione “Con il Sud”.

“Il Parco della Salute presso il Foro italico di Palermo intende rappresentare una iniziativa di natura sociale, aperta alla collettività tutta, che intende riqualificare una porzione di costa urbana attribuendole la funzione di area verde attrezzata  -sottolinea Daniele Giliberti, fondatore di Vivi Sano Onlus e ideatore del progetto. Le finalità ultime dell’iniziativa, avviata con successo in altre città d’Italia e d’Europa, è quella della diffusione presso la collettività della cultura di stili di vita sani, di promozione dell’attività motoria e della vita attiva all’aria aperta, della tutela della salubrità dell’ambiente”.

 

Riguardo Clara Ambrosi

Clara Ambrosi
Nata il 12/11/1994 a Palermo, scrivo per il blog di informazione online “Il Giornale di Isola”, per il giornale sportivo online "Lo Sport 24" e per il blog universitario “IoStudio”. Studio legge alla facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo e sono appassionata di viaggi, libri, cinema,musica e sport.

Leggi anche

Mother breastfeeding child

Allattare, le ragioni spiegate alle giovani donne in 60 secondi

Il latte materno non è solamente il miglior alimento possibile per ogni neonato, ma è …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *