Home / #Mondo / Scacchi in volo al Falcone-Borsellino
locandina-scacchi-in-volo

Scacchi in volo al Falcone-Borsellino

Il 9 e 10 febbraio l’Aeroporto di Palermo Falcone Borsellino ospiterá la manifestazione Scacchi in volo, ideata dal Centro Scacchi Palermo  con la collaborazione della Gesap e di TurismoSicilia.

Scacchiere giganti e da tavolo invaderanno la hall arrivi e saranno a disposizione di chiunque si trovi a passare e voglia giocare una partita tra alfieri e regine. L’aeroporto palermitano per due giorni (dalle ore 10 alle ore 18) non sarà solo un luogo frenetico di passaggio, ma anche un posto dove fermarsi un attimo a sfidare un turista che viene dall’altra parte del mondo.
logo_centroscacchiSaranno presenti anche degli istruttori che daranno consigli a coloro i quali si approcceranno per la prima volta a questo sport. Si tratta di un momento pensato anche per i bambini che, attraverso una scacchiera gigante, potranno magari divertirsi dopo un lungo volo.

Spazio anche all’agonismo: Il 10 febbraio, alle ore 15, si terrà un torneo rapid presso la nuova terrazza vista mare, situata a fianco della hall partenze al secondo piano. Si giocheranno sette turni e, a conclusione, un rinfresco attenderà i partecipanti. Gli iscritti al torneo avranno diritto, inoltre, ad un pass gratuito per il parcheggio P1 dell’aeroporto.
Si tratta di una novità in Sicilia, con un solo precedente in Italia presso l’aeroporto di Roma. Un evento innovativo che mira più che mai a diffondere il gioco degli scacchi nell’isola. Il progetto è stato reso possibile grazie alla collaborazione di Turismosicilia, associazione impegnata nella promozione del turismo culturale che ormai coopera da anni con il Centro Scacchi Palermo.

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

Il professor Giulio Taglialatela della UTMB (USA) in visita a Portella della Ginestra (Palermo)

Biomedicina e neuroscienze, un dottorato di successo Italia-Usa a Unipa

Al docente universitario italo-americano Giulio Taglialatela, neuroscienziato, direttore del Mitchell Center della University of Texas …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *