Home / #IoDicoLaMia / Unipa secondo lo studente: ecco cosa lamentano gli universitari
UNIPA

Unipa secondo lo studente: ecco cosa lamentano gli universitari

In concomitanza delle elezioni del CNSU che si terranno il 18 e il 19 maggio in tutte le ex facoltà dell’ateneo di Palermo, abbiamo sentito i candidati parlare tanto e di tutto. Numerosi sono i programmi e gli ideali e i cambiamenti a cui si aspira. Ma cosa vogliono davvero gli studenti? – ci siamo chiesti – E come desiderano la loro università ideale?

Per questo abbiamo deciso di dar voce a loro, i diretti interessati, che meglio di chiunque conoscono pregi e difetti delle facoltà, dei loro corsi di studio e dell’ateneo palermitanto in generale.

Più efficienza e chiarezza in segreteria. Più professori dediti alla didattica ancor prima che alla ricerca e maggiori attività laboratoriali. Lezioni che si propongano l’obiettivo di fornire agli studenti tutti gli strumenti utili a loro per superare l’esame anziché semplici percorsi monografici – ci dice Lorise infine la possibilità di usufruire di un maggior numero di appelli e più accortezza e rispetto nel decidere le date: è insensato che la maggior parte degli esami combacino tra di loro. L’università dovrebbe agevolarci e non rallentare il nostro percorso.”

Piani di studio “svecchiati”: troppi studenti scelgono di seguire la magistrale in altri Atenei perché quella di Palermo non è che una mera riproposizione delle materie già affrontate in triennale con i dovuti approfondimenti; in più non prevedono quasi per nulla la possibilità per lo studente di scegliere tra tante materie opzionali quelle che gli consentano di “specializzarsi” in un particolare settore – continua Antonellae l’inserimento di prove in itinere che ci consentano di suddividere nel corso del semestre il carico di studio.

Più rispetto per noi, più servizi e un miglioramento del sistema: aspetto da mesi il caricamento di un esame ed è inutile dire quanto questo, spesso, crei incovenienti – ci informa Alessia i fondi inoltre non sono investiti come dovrebbero, paghiamo tasse esorbitanti che sicuramente non vengono utilizzate per un rinnovo generale delle facoltà e in più ci viene imposto pure il parcheggio a pagamento dentro l’Ateneo.

 

Riguardo Clarissa Caramanno

Clarissa Caramanno

Leggi anche

Franco-Rivolli-foto

#IO RESTO A CASA. I consigli ai giovani colleghi di una studentessa di psicologia

Dopo le ultime norme antivirus si diffonde sulla rete la campagna social #iorestoacasa. La collaborazione della popolazione in questo momento è fondamentale, tutti possiamo fare la nostra parte restando comodamente seduti sul divano e chissà che questo non possa essere un momento produttivo per molti di noi. Vediamola come un’occasione per prendere una pausa dalla vita frenetica che conduciamo ogni giorno. C’è chi avrà finalmente il tempo di leggere quel famoso libro rimasto a prendere polvere sulla mensola del salotto e chi, inventando ogni giorno qualcosa di nuovo da fare a casa, potrà scoprire una passione nascosta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *