Home / #OltreUnipa / “Tormenti e incanti”, mostra d’arte al Palazzo Reale
ligabue

“Tormenti e incanti”, mostra d’arte al Palazzo Reale

È stata inaugurata venerdì 18 marzo, presso le sale Duca di Montalto del Palazzo Reale Orleans di Palermo, la mostra dedicata ad Antonio Ligabue, pittore italiano d’arte naif, proveniente da Gualtieri. Fino al 31 agosto sarà possibile ammirare le ottanta opere che il pittore ha realizzato nel corso della sua attività, dagli anni Venti fino al 1962.

Attraverso le sue opere, la rassegna intitolata “Antonio Ligabue. Tormenti e incanti”, si propone un excursus storico e critico sull’attualità dei suoi dipinti che, ancora oggi, rappresentano una delle figure più interessanti dell’arte novecentesca. Grazie alle particolari scelte di allestimento, verranno approfonditi alcuni nuclei tematici fondamentali, in particolare i due filoni maggiormente percorsi da Ligabue: gli animali esotici predatori e gli autoritratti. Ligabue era un attento studioso dell’anatomia degli animali e amava rappresentare le loro posture mentre cacciavano o lavoravano. Anche i suoi autoritratti mostrano il suo grande talento artistico e, all’osservatore attento, mostrano l’identità personale del pittore. Oltre a sessanta opere ad olio, nelle sale vi sono anche cinque sculture in bronzo, disegni e incisioni, fra cui anche quattro opere inedite: Volpe in fuga col gallo in bocca, Cavalli, Leopardo con antilope e Rapace.

predatoriLa mostra è stata inaugurata alla presenza del Presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, del curatore dell’esposizione, Sandro Parmigiani e presidente della fondazione Federico II Francesco Forgione. “Si tratta di una mostra ricca che ripercorre l’intero arco della vita artistica di Ligabue”, ha spiegato Forgione, “un’odissea umana che, attraversando due secoli, due Paesi e due guerre, ha sconvolto la sua stessa esistenza”. “Questo è un ulteriore evento per contribuire alla diffusione della cultura dal fascino internazionale in Sicilia, che rappresenta un momento di aggregazione culturale per i visitatori provenienti dalla Sicilia e da tutto il mondo a Palermo”, ha invece commentato Ardizzone, invitando tutti a non perdere questa interessante rassegna.

 

 

Riguardo Eliseo Davì

Eliseo Davì
Ho scritto un romanzo storico, "Societas", edito da BookSprint Edizioni. Sono Direttore del blog di informazione online "Il giornale di Isola" e ho collaborato con "L'ora". E nel frattempo studio, frequentando la facoltà di Giurisprudenza di Palermo.

Leggi anche

FICARRA E PICONEfoto di Manuele Cirà

SCUOLA DI CINEMA PIANO FOCALE, ENTRO SABATO 9 NOVEMBRE 2019 LE ISCRIZIONI

Un corso di studi pratico e teorico sull’arte cinematografica e del nuovo cinema indipendente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *