Home / #EatSicily / A San Lorenzo il mercato alimentare dell’orgoglio siciliano
sanlorenzo_mercato_N

A San Lorenzo il mercato alimentare dell’orgoglio siciliano

La realtà dei mercati siciliani in cui trovare prodotti sempre freschi e di qualità è antica e fa parte della cultura della nostra isola da secoli. Oggi l’esperienza del mercato, in cui il rapporto diretto tra produttore e consumatore è quotidiano ed immediato, si è persa grazie o a causa dell’avvento delle nuove tecnologie, di un tipo di mercato sempre più veloce ma in cui la provenienza dei prodotti non è sempre garantita in loco.

Eppure esistono ancora dei luoghi in cui è possibile recarsi per trovare merce sostenibile e a chilometro zero, senza troppe pretese ma la cui provenienza è sempre garantita.

Tra questi, degno di nota è il neonato Mercato San Lorenzo, sito in via San Lorenzo 288. Il luogo è quello di un’ex fabbrica di agrumi, l’atmosfera quella di un vero e proprio mercatino in stile siciliano, con prodotti di qualità, accoglienza e cortesia.

981172_936767419772014_8320227586461516557_o

L’impianto si compone di nove botteghe, con oltre duemila prodotti di qualità provenienti da duecentocinquanta produttori regionali, realizzando un mercato al chiuso con tutte le ricchezze che le terre siciliane possono offrire. La struttura si apre anche all’esterno, secondo un progetto che prevede la realizzazione di un orto-giardino, in cui è possibile coltivare e che risulta essere piacevole e interessante per adulti e bambini.

12322878_935186506596772_2466703597297367988_o

Non solo è possibile acquistare i prodotti, ma questi possono anche essere gustati grazie agli spazi dedicati ai visitatori:  nel giro di pochi passi si può quindi passare dalla frittura di pesce ai centrifugati di verdura e frutta fresca, dallo sfincione alla mortadella d’asina e perfino al tè e la frutta esotica coltivati in Sicilia.

Al centro del progetto vi è lo scopo ecosostenibile e il riciclo di materiali e prodotti: le confezioni vengono limitate grazie alla possibilità di consumare i cibi all’interno del mercato; gli alimenti in eccesso, inoltre, vengono donati alle associazioni di volontariato che si occupano dell’aiuto e sostentamento verso i più bisognosi, grazie all’accordo con il Banco Alimentare – Sicilia Occidentale.

1097001_937512683030821_4997554724247645225_o

L’esperienza è promettente e risulta essere innovativa e piena di opportunità. Un modo tutto nuovo e diverso di riscoprire le ricchezze della nostra terra.

Riguardo Marta Cianciolo

Marta Cianciolo
Studentessa al corso di studi in Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

girasole_news

UE, le previsioni economiche di estate 2019

Nonostante le previsioni di crescita positive per il 2019, le tensioni commerciali e le incertezze …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *