Home / #NotteBianca / La parola al presidente dell’Ersu Palermo
alberto firenze

La parola al presidente dell’Ersu Palermo

Sempre più spinoso il tema del diritto allo studio, e di conseguenza più oscuro il futuro di migliaia di studenti. Subito dopo le mobilitazioni sorte in merito ai nuovi parametri Isee, Alberto Firenze, presidente dell’Ersu di Palermo, durante un consiglio ANDISU (Associazione degli enti per il diritto allo studio in Italia), ha proposto la Notte Bianca per il Diritto allo Studio Universitario. Valutata positivamente dalle altre sedi, la proposta è stata accolta e messa in cantiere.

Ecco che il 10 dicembre 2015, in diverse città italiane sedi di istituzioni universitarie, si svolgerà la Notte Bianca per il Diritto allo Studio Universitario organizzata da ANDISU, con il patrocinio del Ministero dell’Università e in collaborazione con il CNSU (Consiglio nazionale degli studenti universitari).

L’Ersu di Palermo, capofila dell’iniziativa, si mostra come un ente sempre più vicino ai bisogni degli studenti, e con questo evento spera di suscitare l’interesse della componente studentesca che forse non ha la piena percezione della problematica.

«C’è in gioco il futuro di migliaia di studenti –dichiara Alberto Firenze– Il diritto allo studio viene mortificato di giorno in giorno e gli studenti devono prendere coscienza della situazione, né possono limitarsi a proteste fini a se stesse. Questa è l’occasione di parlare e di avanzare le proprie proposte. Mi auguro veramente che questa iniziativa possa essere accolta attivamente e con entusiasmo.
Per il 10 dicembre abbiamo organizzato una serie di incontri-dibattito aperti agli studenti, e spero in una viva partecipazione».

«Io sono dalla vostra parte – continua Firenze – sto facendo di tutto per rilanciare l’ente e dargli una nuova veste. E se non bastano convegni e tavoli tematici, l’Ersu si inventa apericena, iniziative giovani e perché no, feste.
La Notte Bianca del Diritto allo Studio è per voi, fatene buon uso».

Riguardo Gaia Butticè

Gaia Butticè
Nata ad Agrigento il 12/03/1991, vivo tra Favara e Palermo. Ho una laurea in Lettere e sono al momento iscritta al secondo anno di Filologia moderna e italianistica

Leggi anche

università

Università, cresce il divario tra Nord e Sud

È stato presentato  a Palermo il Rapporto 2015 della Fondazione RES, dal titolo “Nuovi divari. …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *