Home / #ErsuCultura / Nilde, la mostra fotografica contro la violenza sulle donne
Nilde

Nilde, la mostra fotografica contro la violenza sulle donne

Lunedì 25 novembre (Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne) si inaugura al Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Palermo (via Maqueda, 172), alle ore 17:00, la mostra fotografica “Nilde”.

Un momento di denuncia su un tema purtroppo molto attuale, la violenza sulle donne,  che drammaticamente si ripropone con una sempre crescente frequenza. La mostra potrà essere visitata sino al 29 novembre (dalle ore 8:00 alle ore 19:00).

NildeAl progetto, diretto da Federica Palmeri e prodotto da ReAzione Giurisprudenza, hanno aderito Amnesty International e l’assemblea nazionale Non una di meno.

L’universo femminile, divenuto bersaglio di violenza fisica e morale a dispetto di una progressiva emancipazione sociale, verrà indagato attraverso una serie di fotografie. Il percorso espositivo, a cura di Martina Martire, invita ad una riflessione che esula anche dagli aspetti strettamente legati alla cronaca nera e rimanda a quel principio di eguaglianza che prescinde dal genere.

Il messaggio forte di donne vincenti che lottano contro gli stereotipi della società, dove il diritto rappresenta la prima protezione e strumento di contrasto del fenomeno della violenza di genere.

«I media parlano quasi esclusivamente di forme di violenza fisica, non dando la giusta rilevanza a tante altre forme di violenza che noi donne siamo costrette a subire ogni giorno, dalla violenza verbale a quella psicologica, tutte forme di violenza che fanno parte di una più ampia violenza sociale e culturale – afferma Federica  Palmeri, responsabile organizzativa del progetto – Per questo motivo abbiamo deciso di basare il nostro progetto su dichiarazioni di donne, tra cui Emma Dante, Letizia Battaglia, Anna Puglisi e tante altre, che lottano ogni giorno per eliminare le differenze di genere e superare i pregiudizi imposti dalla società contemporanea. Speriamo così che tante altre donne possano fare lo stesso.»

All’evento sarà presente Letizia Battaglia, figura centrale della fotografia internazionale, che esporrà una foto che immortala Franca Rame negli anni successivi alla violenza sessuale subita nel 1973.

Le opere sono firmate da Guglielmo Brancato, studente palermitano con alle spalle diverse esposizioni. Nel programma inaugurale di Nilde è prevista anche la proiezione del documentario “La cronaca delle donne umane”, realizzato da Giuseppe Di Maio e Michele Cannella (anche loro studenti universitari di Palermo). Il cortometraggio narra storie di donne che spesso subiscono violenze devastanti sotto il profilo psicologico, culturale e sociale, dalle molestie via internet a quelle subite sui luoghi di lavoro.

All’evento verrà presentata una pubblicazione, curata da Vincenzo Palumbo per Edity, che racchiude testimonianze dirette di donne, fra cui quella di Emma Dante, che lottano per superare i pregiudizi della società.

Giuseppe Verrigno, fondatore di ReAzione Giurisprudenza , ha dichiarato: «Questa manifestazione ci fa riflettere sulla stupidità dell’essere umano, che spesso nella vita di tutti i giorni agisce e pensa, implicitamente, in modo discriminatorio. Senza rendersene conto pone la donna in una posizione di subalternità. L’implicito che c’è in noi determina questi tipi di scenari, per questo motivo manifestazioni come Nilde sono importanti.»

Riguardo Giulia Smecca

Giulia Smecca
Nata a Catania. Studentessa fuori sede di Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

images-2

Un protocollo per realizzare a Palermo il Museo del Nummarium

Il Comune di Palermo e l’Università degli Studi di Palermo hanno siglato un protocollo di …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *