Home / #EatSicily / Fico d’india: alleato della buona salute
fico d'india
tratto da dietagrupposanguigno.net

Fico d’india: alleato della buona salute

Il fico d’India, con il suo gusto dolce e polposo, è un frutto da tavola siciliano, onnipresente in tutti i paesaggi di campagna e mare dell’isola.

La pianta  che può arrivare anche ad alcuni metri d’altezza, è in realtà di origine messicana, diffusa in Italia ed in particolare in Sicilia nel XVI secolo dove si è ben affermata. Le spine gli conferiscono un aspetto quasi minaccioso ma gode di molteplici proprietà benefiche che lo rendono un alleato della buona salute. Ricco di fibre, sali minerali, antiossidanti e sostanze che aiutano a vincere ritenzione, cellulite e sovrappeso. Il frutto contiene vitamina C, potassio e magnesio e una regolare consumazione può facilitare la diuresi date le sue proprietà lassative e diuretiche, favorendo anche i reni e contribuendo alla riduzione del colesterolo. Le fibre, inoltre, controllano l’appetito, dando  senso di sazietà, ed in più riducono l’assimilazione di zuccheri e di grassi evitandone così l’accumulo nei punti critici come l’addome. Il fico d’india ha anche un potere antiossidante dovuto, oltre che dalla vitamina C, dai flavonoidi che hanno la capacità di bloccare i radicali liberi dannosi per l’organismo ed aiutano il funzionamento del fegato, del sistema immunitario e riducono la fragilità capillare. Gli estratti che vengono ricavati dalla pianta servono nel mondo della cosmetica per la produzione di creme e shampoo, grazie alla sua azione astringente e alla capacità di far ricrescere i capelli.

tratto da ricetta.it

tratto da ricetta.it

Maneggiare questo frutto non è facile a causa delle numerose spine che lo caratterizzano, quindi per poterlo tagliare senza farsi male e con cura bisogna prima di tutto munirsi di guanti. Dopodiché è necessario lavarlo abbondantemente sotto l’acqua, successivamente tenendolo saldamente con la forchetta si procede con un taglio trasversale alle due estremità, poi si pratica un taglio longitudinale sulla buccia senza prendere la polpa. Si sollevano con un coltello i lembi incisi separando così il frutto dalla parte esterna ed è così pronto per essere gustato a tavola.

 

Riguardo Alessandra La Marca

Alessandra La Marca

Leggi anche

Arancina’s day: fra gusto e tradizione

La lista delle arancine più buone di Palermo. C'è solo l'imbarazzo della scelta. Con carne, al burro, ai formaggi, vegetariana, al salmone, con la salsiccia e persino al cioccolato, sono tanti i gusti tra cui poter scegliere e da gustare in compagnia o da soli.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *