Home / #OltreUnipa / Viale Regione: il limite di velocità tra proteste e ironia sul web
velocità

Viale Regione: il limite di velocità tra proteste e ironia sul web

Nelle settimane scorse il comune di Palermo aveva ridotto il limite di velocità dai 70 km/h nello scorrimento veloce di via regione siciliana portandolo a 50 km/h scatenando le proteste dei palermitani.

La motivazione ufficiale che si legge nell’ordinanza emanata dal sindaco Orlando: si rende necessario per motivi di sicurezza stradale, poiché la presenza di radici lungo il viale Regione Siciliana ha provocato delle deformazioni del manto stradale, costituendo un potenziale pericolo per la circolazione stradale.

I nuovi limiti di velocità hanno però fatto infuriare i palermitani, che in queste settimane non hanno smesso di protestare sui social. Basti pensare che in una sola settimana  sono stati fatti più di 2.168 verbali e oltre 150 patenti sono state ritirate dai vigili urbani. Sul web oltre alle polemiche, anche incredulità e ironia indirizzata all’amministrazione comunale. Giovanni scrive : <<Circonvallazione di Palermo. Ormai per fare soldi non sanno più cosa inventarsi. Ma trasformarla in pista ciclabile no? Almeno risparmiamo benzina e andiamo pure più forte.>>

Dopo le numerose multe e proteste il comune in queste ore pare aver fatto marcia indietro: in viale Regione Siciliana tornerà il limite dei 70 chilometri orari almeno nelle zone in cui non ci sono lavori in corso.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

fonte: centroscacchi.it

Scacchi e turismo a Piana degli Albanesi

Grande attesa per il “1° Arbëreshe Intenational Chess Festival”, un torneo di scacchi che si svolgerà a Piana degli Albanesi. Con esso si inaugura una nuova forma di turismo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *