Home / #Mondo / La National Geographic cerca giovani per progetti di ricerca
tratto da corriereuniv.it
tratto da corriereuniv.it

La National Geographic cerca giovani per progetti di ricerca

Partecipare al programma YEG, Young Explorer Grant per il finanziamento di progetti legati al lavoro della rivista della National Geographic: la celebre istituzione scientifica finanzia borse di ricerca a cui possono partecipare giovani tra i 18 ei 25 anni che abbiamo già esperienze precedenti. Archeologi, biologi, astronomi, antropologi, ecologisti, geografi, geologi, scienziati marini, avventurieri, storyteller e pionieri con la voglia di scoprire il mondo, potranno presentare il proprio progetto compilando una preiscrizione sul sito che verrà valutata da una commissione e, qualora la proposta venisse ritenuta interessante, saranno gli stessi responsabili del programma YEG che avviseranno per completare la procedura per la richiesta di finanziamento.

Ogni anno la National Geographic rinnova la proposta offrendo una prestigiosa opportunità per perseguire la ricerca, la conservazione, e progetti di esplorazione. I programmi di sovvenzione che sostengono le idee dei giovani sono: il Comitato per la ricerca e l’esplorazione (CRE) che investe sulla ricerca scientifica basata su ipotesi, l’Expeditions Council (CE ) finanzia le esplorazioni e le avventure in giro per il mondo ed infine il Conservation Trust (CT) che offre un contributo sugli approcci innovativi per la conservazione con numerose possibilità di applicazione globale. I finanziamenti variano tra i duemila i 5mila dollari che permetteranno ai vincitori di poter sviluppare le proprie idee.

tratto da nationalgeographic.com
tratto da nationalgeographic.com

Le selezioni dell’istituzione americana, che cerca giovani in tutto il mondo, sono aperte tutto l’ anno. Nel 2014 è stato premiato dal comitato per la Ricerca e l’Esplorazione della National Geographic Society un team italiano guidato da Federico Fanti concedendogli un finanziamento per approfondire le ricerche paleontologiche in Tunisia con lo scopo di studiare gli ecosistemi e la biodiversità dell’area peri-Mediterranea durante il Cretaceo medio, ovvero circa 100 milioni di anni fa, portando alla luce dinosauri e altri vertebrati fossili. Per avere maggiori informazioni è possibile consultare il sito della National Geographic http://www.nationalgeographic.com/explorers/grants-programs/yeg-application/

Riguardo Alessandra La Marca

Alessandra La Marca

Leggi anche

fonte: centroscacchi.it

Scacchi e turismo a Piana degli Albanesi

Grande attesa per il “1° Arbëreshe Intenational Chess Festival”, un torneo di scacchi che si svolgerà a Piana degli Albanesi. Con esso si inaugura una nuova forma di turismo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *