Home / #IoDicoLaMia / Rilevazione opinioni degli studenti, strumento da usare con cautela
questionario_rilevazione-opinioni-studenti (2)

Rilevazione opinioni degli studenti, strumento da usare con cautela

Per gli studenti UNIPA è aperta la compilazione online dei questionari per la rilevazione delle opinioni degli studenti relativamente agli insegnamenti del primo semestre.
Potrà essere compilato accedendo al portale studenti. Nonostante si acceda al portale con le proprie credenziali, il questionario è completamente anonimo e si potrà esprimere la propria opinione in assoluta libertà. La valutazione del primo semestre si chiuderà l’11 maggio 2019.  La scheda di valutazione degli insegnamenti del primo semestre dovrà essere compilata prima della prenotazione degli esami di profitto.

banner_rilevazione-opinione-studentiIl punto di vista degli studenti è importante per l’Ateneo, che potrà monitorare l’andamento delle lezioni e le caratteristiche del servizio erogato.

Dal 19 ottobre 1999, con la legge 370, le università adottano un sistema di valutazione interna delle attività didattiche e di ricerca, acquisendo annualmente, mantenendone l’anonimato, le opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche e trasmettono un’apposita relazione al MIUR e al Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (oggi ANVUR).

La rilevazione delle opinioni degli studenti entra a far parte di un sistema di valutazione della didattica più ampio, poiché fornisce agli organi di governo, e in particolare agli organismi deputati alla gestione della didattica, uno strumento informativo utile per l’individuazione di criticità e punti di debolezza su cui intervenire e punti di forza da mantenere, ove possibile da migliorare ulteriormente.

Per questi motivi, è importante prendere seriamente la compilazione di questo questionario, senza basarsi su antipatie o simpatie ma cercando di essere il più obbiettivi possibile.
Il questionario contribuisce, infatti, a creare una reputazione dei vari atenei a livello nazionale.

È importante riflettere su questo punto: soprattutto adesso che si parla dell’abolizione del valore legale della laurea. Il valore legale del titolo di studio indica il grado di ufficialità e la validità di un titolo di studio. Fa sì che ogni titolo di studio conferito da una qualsiasi università italiana abbia lo stesso peso nel mercato degli impieghi pubblici.

Negli anni i progetti di legge per togliere valore legale alla laurea non sono mancati. Attualmente se ne è molto discusso.

Il rischio dell’eventuale abolizione del valore legale del titolo di studio potrebbe anche essere la creazione di un sistema di rating con università di serie A, B, C. Possibilmente a discapito delle università del sud e dei suoi laureati?

Tutto ciò fa riflettere sull’importanza di fare ogni sforzo per migliorare la reputazione dell’Ateneo, valorizzandone i punti di forza, giudicando in modo obbiettivo ed equilibrato.
Ritengo che non bisogna prendere alla leggera la valutazione della didattica del nostro Ateneo: dobbiamo essere consapevoli di avere per le mani un potente strumento da usare con coscienza ed equilibrio.

Riguardo Giulia Smecca

Giulia Smecca
Nata a Catania. Studentessa fuori sede di Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università degli Studi di Palermo.

Leggi anche

tempFileForShare_20191113-184918

IL VALORE DELLA CARTA STAMPATA, FOCUS DELLA FONDAZIONE FEDERICO II

I Giornali dell’Ottocento raccontano la storia di Palermo. Giovedì 14 novembre alle ore 18 all’Oratorio di Sant’Elena e Costantino la presentazione del libro scritto da Gesualdo Adelfio e Carlo Guidotti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *