Home / #Mondo / Roberto Lagalla nel cda del Consiglio Nazionale delle Ricerche
cnr.it
cnr.it

Roberto Lagalla nel cda del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Il 18 novembre scorso, il Miur, dopo aver lasciato senza consiglio di amministrazione per quasi due mesi il Consiglio Nazionale delle Ricerche, ha

foto: unipa.it
foto: unipa.it

formalmente comunicato al Senato, alla Camera e allo stesso Cnr il decreto di nomina di due componenti del consesso del più grosso ente di ricerca del Paese.

Si tratta di Roberto Lagalla, scelto dalla ministra Giannini dalla terna proposta dalla Crui, e di Vito Mocella, eletto dal personale del Cnr.

Lagalla, nato a Bari 60 anni fa, è Ordinario di Biopatologia e Biotecnologie mediche presso l’Università di Palermo, Ateneo di cui fino al 31 ottobre scorso è stato Rettore. Essendo composto da cinque membri, compreso il presidente,  con la nomina di Lagalla e Mocella, pur se privo degli altri due membri, il cda del Cnr da domani sarà operativo, anche se i provvedimenti rischiano di essere approvati, nel caso in cui uno dei due membri si astenga e l’altro voti contro, con il voto favorevole del solo presidente, voto che, come noto, in caso di parità, vale doppio!

Riguardo Giuseppe Palazzotto

Studente in Ingegneria Informatica, Laurea Magistrale. E' stato rappresentante degli studenti presso la Scuola Politecnica ed il Consiglio di corso di studi. E' tra i fondatori del blog www.lalapa.it Nel sociale svolge attività con il Rotaract Club Palermo Agorà. E' stato giocatore a livello agonistico di scacchi ed ora nel tempo libero svolge attività riconosciuta dal Coni e dalla Federazione come istruttore ed arbitro.

Check Also

Giornata contro la violenza sulle donne: un pomeriggio solidale in via Ruggero Settimo

In occasione della giornata contro la violenza sulle donne, l’associazione AIDA (Associazione Italiana Donne Amiche) è scesa in piazza, sabato 24 novembre, per un momento di riflessione su un tema che in Italia continua ad essere molto sentito a causa dei fatti che accadono quotidianamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *