Home / #ErsuCultura / Musei aperti a Palermo il 25 aprile e l’1 maggio
Galleria Arte Moderna
GAM - foto: olioarke.it

Musei aperti a Palermo il 25 aprile e l’1 maggio

Con lo scopo di far riscoprire le bellezze artistiche siciliane, in alternativa alla consueta grigliata con gli amici, quest’anno, il Comune di Palermo offre la possibilità di trascorrere una giornata all’insegna della cultura e dell’arte nei musei comunali che saranno eccezionalmente aperti al pubblico il 25 aprile, anniversario della liberazione dell’Italia e l’1 maggio, festa dei lavoratori.

Spasimo Palermo
Spasimo – foto wakeupnews.it

Si tratta della Galleria d’Arte Moderna di via Sant’Anna 21 e del Complesso Monumentale S. Maria dello Spasimo, situato nell’omonima piazza. Sarà fruibile, inoltre, soltanto il 25 aprile lo Zac, lo spazio dedicato interamente all’Arte Contemporanea, all’interno dei Cantieri Culturali della Zisa, sito in via Paolo Gili 4.
All’interno Galleria d’arte moderna, oltre alla splendida collezione permanente di dipinti e sculture dell’Ottocento e del Novecento, sarà possibile visitare anche la mostra “Manifesto” di Adalberto Abbate e Mario Consiglio. La Galleria, che conserva opere d’inestimabile valore, è dotata anche di un’accogliente caffetteria per rilassarsi sorseggiando un bevanda in un luogo estremamente ricco d’arte. I musei saranno aperti anche nel pomeriggio per consentire a tutti di visitare i luoghi d’arte dopo la cosìdetta “scampagnata”. Lo Spasimo sarà aperto, infatti, dalle ore 9 alle ore 18, la Galleria d’Arte Moderna e lo Zac, invece, saranno aperti dalle ore 9,30 alle ore 18.30 (la biglietteria della GAM chiude un’ora prima).

Riguardo Giorgia La Marca

Leggi anche

foto presentazione progetto 2

Al via il Programma Speciale per l’Istruzione e la Formazione negli Istituti Penitenziari Minori

Nella Sala Padre Pino Puglisi del Centro di Giustizia è stato presentato, con grande attenzione dei presenti, il “Programma speciale per l’istruzione e la formazione negli Istituti Penitenziari e nei Servizi Minorili della Giustizia”, che prende a cuore il reinserimento nella società dei giovani che scontano una pena, attraverso l’istruzione e la formazione, tenendo conto dei loro contesti sociali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *