Home / #ErsuCultura / Art and Anatomy in the Italian Renaissance, Kevin Petti del Miramar College di San Diego
seminario

Art and Anatomy in the Italian Renaissance, Kevin Petti del Miramar College di San Diego

Si terrà giorno 23 giugno 2016 alle ore 12.00 presso l’aula E. Nesci dell’Istituto di Anatomia Umana dell’ospedale Policlinico “Paolo Giaccone” il seminario dal titolo “Art and Anatomy in the Italian Renaissance” tenuto dal prof. Kevin Petti.

La manifestazione, promossa dal dipartimento di Biomedicina sperimentale e Neuroscienze cliniche (BIONEC), rientra nel ciclo di eventi patrocinati dall’Università degli studi di Palermo in occasione dei 210 anni della fondazione dell’Università di Palermo.

Kevin Petti, professore di Anatomia e Fisiologia presso il Miramar College di San Diego, relazionerà sul rapporto tra arte e anatomia durante il periodo medievale e rinascimentale. Interverranno anche Giovanni Zummo, direttore del BIONEC, Felicia Farina, coordinatrice del Dottorato di ricerca internazionale in Biomedicina e Neuroscienze e Francesco Cappello, organizzatore dell’incontro.

Alle ore 11.30 sarà possibile visitare in anteprima il nuovo allestimento della collezione di Anatomia Umana curata da MuseiUnipa, comprendente, tra l’altro, antichi volumi e cere anatomiche.

Riguardo Angelo Casano

Angelo Casano
Nato a Pantelleria il 12-11-1991, studente presso il corso di laurea in medicina e chirurgia dove ha ricoperto la carica di rappresentante del corso di studi. Scrive anche per il blog www.agorapnl.it e www.infouni.it

Leggi anche

©Franco Lannino IMG_1879

Grande successo per il Parsifal al Teatro Massimo

La stagione 2020 del teatro Massimo ha avuto inizio con uno straordinario successo. Il 26 gennaio alle ore 17:30 Parsifal , di Richard Wagner, ha debuttato con 15 minuti di applausi al termine dello spettacolo. A dirigere l’opera il nuovo direttore musicale del Teatro Massimo, l’israeliano Omer Meir Wellber. La regia è invece di Graham Vick, che torna a Palermo dopo un altro progetto wagneriano, la Tetralogia realizzata esclusivamente per il Teatro Massimo tra il 2013 e il 2016. Le scene sono di Timothy O’Brien, i costumi di Mauro Tinti, movimenti coreografici di Ron Howell, luci di Giuseppe Di Iorio per un allestimento realizzato in coproduzione con il Teatro Comunale di Bologna. Nel ruolo del protagonista Parsifal ha avuto grande successo, sostituendo Daniel Kirch indisposto, il giovane tenore Julian Hubbard, che ha debuttato in questa occasione nel ruolo di Parsifal. Amfortas è interpretato da Tómas Tómasson, Titurel da Alexei Tanovitski. Debutto in scena a Palermo, dopo la Nona Sinfonia di Beethoven a inizio gennaio, e nel ruolo di Gurnemanz anche per John Relyea, che si è fatto conoscere dal pubblico italiano con Billy Budd a Roma, mentre il basso Thomas Gazheli (Klingsor) ritorna al Teatro Massimo dopo essere stato Wotan nella Tetralogia di Vick. Protagonista femminile è il soprano francese Catherine Hunold nel ruolo di Kundry, apprezzatissima interprete del repertorio wagneriano ma anche degli autori francesi del periodo romantico e di fine Ottocento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *