Home / #CampusLife / UniStemDay Palermo 2016, il bilancio
12814494_1094987093864921_4041229716252786929_n

UniStemDay Palermo 2016, il bilancio

Si è svolta giorno 11 marzo l’ottava edizione di UniStemDay 2016 presso l’Università degli Studi di Palermo. L’evento scientifico divulgativo rivolto agli studenti, in particolare delle scuole superiori, era incentrato su un tema oggi molto discusso in campo biomedico, le cellule staminali.
La scienza è stata per un giorno il punto di incontro tra studenti di trenta città italiane e ventotto europee, avvicinando ragazzi con realtà e culture differenti.

L’evento è stato introdotto in videoconferenza dal messaggio di accoglienza agli studenti del rettore Fabrizio Micari.
A seguire, Alberto Firenze, presidente dell’Ersu Palermo, ha presentato ai ragazzi l’Ente per il diritto allo studio, i servizi offerti e le attività in programma, tra cui la seconda edizione di Taste of Sicily, concorso incentrato sul tema dell’alimentazione mediterranea finalizzato alla valorizzazione della produzione ed esportazione dei prodotti siciliani.

Si è poi entrati nel vivo dell’evento col prof. Davide Corona, Dipartimento STEBICEF dell’Università di Palermo, che ha parlato di clonaggio e cellule staminali embrionali, riassumendone i progressi scientifici innovativi nonché il problema etico.

Il secondo intervento, tenuto dalla prof.ssa Carla Giordano, Dipartimento BIMIS, ha trattato l’argomento dal punto di vista della medicina rigenerativa e della ricerca di fonti di cellule staminali(ES). L’occhio, organo immunoprivilegiato, “insensibile” alla risposta immunitaria, si è da poco scoperto come fonte di cellule staminali per curare malattie autoimmuni come il diabete mellitico di tipo I.

Il prof. Antonio Russo, Dipartimento CHIROS, studia biomarkers prognostici e predittivi nelle terapie a bersaglio molecolare in oncologia. Le terapie a bersaglio molecolare possono caratterizzare preventivamente il profilo tumorale. Prima le terapie oncologiche erano uguali per tutti i pazienti, basate su un semplice esame istologico, oggi invece abbiamo a disposizione i cosiddetti biofarmaci o farmaci intelligenti, questo perché gli studi degli ultimi anni hanno evidenziato che ogni paziente possiede degli oncogeni che si differenziano per caratteristiche e peculiarità da quelli di altri pazienti.
Successivamente è intervenuto il prof. Francesco Martines che ha parlato di scienza bionica, differenziando la biomimetica naturale, studio dei processi biologici e biomeccanici, dalla cibernetica medica, ossia la scienza che si occupa di ripristinare le funzioni fisiche mediante l’inserimento di materiali artificiali che garantiscono le medesime performance di un soggetto sano.

Segue Attilio Ignazio Lo Monte, Dipartimento DICHIROS, il quale si occupa della ricerca nell’ambito della chirurgia di trapianti d’organo e parla della nuova sfida della medicina rigenerativa che proverà di controllare e rimodulare la crescita cellulare in una struttura tridimensionale composta da differenti biomateriali che fanno da telaio per la crescita dei tessuti, mimando la matrice extracellulare.

Il prof. Natale Belluardo, Dipartimento BIONEC,  ha parlato dei meccanismi delle emozioni e di come questi siano attivati  e incentivati da sensazioni di piacere, appagamento e soddisfazione. Il circuito che muove questa equazione si trova nel corpo striato del cervello e, tramite il rilascio di dopamina, regola il livello di motivazione di ogni individuo.

Il resoconto degli studenti è più che positivo: dichiarano, infatti, di essere affascinati dagli argomenti esposti durante l’evento e  vorrebbero trattarli maggiormente nelle loro scuole al fine di essere introdotti al vorticoso avanzamento delle discipline scientifiche.

Riguardo Giorgia Ciulla

Leggi anche

UniCrypto tour

UniCrypto tour, mercoledì 30 ottobre ad UniPa Gian Luca Comandini

Mercoledì 30 ottobre si svolgerà nell’Aula Magna “Vincenzo Li Donni” (Viale delle Scienze, ed.13- Plalermo) una tappa dell’UniCrypto tour, per la prima volta nell’Università degli Studi di Palermo grazie al lavoro di Starting Finance Club Palermo. Lo scopo dell’UniCrypto tour è quello di dipanare i dubbi e aumentare la consapevolezza degli universitari nei confronti del funzionamento del mondo delle criptovalute, per informarli su questo spaccato economico e per educarli ad un corretto approccio e utilizzo delle monete virtuali. All’evento interverrà Gian Luca Comandini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *