Home / #CampusLife / Web e perversioni, seminario a Giurisprudenza
14800213_10207310447668180_384373677_o

Web e perversioni, seminario a Giurisprudenza

Di fronte ad una platea gremita di studenti, la scorsa settimana, si è tenuto presso la facoltà di Giurisprudenza, organizzato dall’associazione S.C.I.A. e Onda, in convegno “Sextorsion, parafilie e perversioni nel rapporto di coppia”.

Compiuti i saluti introduttivi dell’associata S.C.I.A Georgia Colli, il primo intervento è stato quello del processual penalista Giuseppe Di Chiara. Il suo intervento si è concentrato su un caso giurisprudenziale della Corte EDU “K. e A. vs Belgio”, in cui due soggetti erano stati condannati per pratiche sadomasochiste.

14859571_10207310442548052_273066082_oAd arricchire il dibattito l’intervento del docente di diritto ecclesiastico Mario Ferrante, la cui prolusione si è soffermata su come le relazioni tecnologiche stiano modificando i sentimenti e le relazioni coniugali, affermando: “Facebook, oggi, all’identità fisica sostituisce un’identità virtuale. Bauman ci parlava di relazioni liquide ed aveva ragione perché queste sono sempre più fragili sotto il profilo del legame affettivo”. Quindi l’intervento dell’associato S.C.I.A. Fabio Vigneri il quale ha indicato  dati sintomatici del fenomeno: su 7 miliardi di persone al mondo circa 3 miliardi sono ogni giorno connessi ad internet.

In chiusura l’intervento dell’ordinario di psichiatria Daniele La Barbera, il quale ha analizzato recenti casi di cyberbullismo e di video hard virali che hanno portato al suicidio della persona vittima affermando che “il web dà la possibilità di fare cose che prima erano inammissibili, sta cambiando il nostro cervello in un arco di 20 anni. È lo strumento più importante della vita di relazione e in continuazione “ci narriamo” tramite social”.

Riguardo Salvatore Casarrubea

Salvatore Casarrubea
Classe '94, diplomato al Liceo Classico, attualmente frequento la facoltà di Giurisprudenza. Mail: salvocasarrubea@gmail.com

Leggi anche

udu pal

UDU, l’Università accessibile a tutti

L’UDU è una confederazione di associazioni studentesche, fondata nel 1994, presenti nei più importanti atenei italiani. All’Unione degli Universitari aderiscono ogni anno circa 10.000 ragazzi e ragazze attorno ad un modello organizzativo inedito in Italia, il sindacalismo studentesco. Palermo è una delle basi confederate. L’obbiettivo principale dell’associazione è la tutela della componente studentesca universitaria e quindi la tutela del diritto allo studio, attraverso le azioni di rappresentanza studentesca.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *